In un anno è cresciuto del 20% il numero di quanti utilizzano lo smartphone come primo punto di accesso per il web. L’analisi GlobalWebIndex: tendenza diffusa soprattutto tra gli under 34 e nei Paesi africani e mediorientali

In un anno è cresciuto il 20% il numero delle persone che considerano lo smartphone lo strumento principale per connettersi al web. A segnalarlo alcuni dati pubblicati nel ‘Device Flagship Report’ pubblicato da GlobalWebIndex. Stando ai numeri, se nel terzo trimestre del 2016 era il 41% a esprimere la sua preferenza per il device, a giugno del 2017 la percentuale è salita al 61%.La crescita dello smartphone ha ovviamente inciso con il declino di desktop e laptop, passati il primo dal 26 al 18%, e il secondo dal 31 al 19%. Stabile invece il numero di chi sostiene di utilizzare il tablet, con una percentuale del 2%.

(infografica ripresa dal sito GlobalWebIndex)

Interessante guardare come nelle singole fasce d’età si distribuiscano le tendenze a preferire un device rispetto all’altro. Gli utenti d’età compresa tra i 16 e i 34 anni – secondo i dati del 2017 – sono i più inclini ad usare lo smartphone per accedere al web. Viceversa tra gli over 55 è il laptop a riscuotere più successo.

A livello geografico sono i paesi africani e mediorientali quelli in cui il telefonino è fonte primaria di accesso alla Rete (68% contro il 17%). Più contenute lo scarto tra smartphone e pc in Nord America e in Europa, forse, segnala lo stesso report, anche a causa dell’età media più alta della popolazione, rispetto a quella di altre zone del mondo.

(infografica ripresa dal sito GlobalWebIndex)

GlobalWebIndex ha cercato anche di quantificare il numero medio di attività online che le persone svolgono attraverso i singoli device. Anche in questo caso, a primeggiare è lo smartphone, utilizzato per compiere 14 attività. Due in meno sono le funzioni svolte su pc e laptop, in tutto 14, mentre è abissale la distanza per quel che riguarda i tablet, scelti in media per 3,2 attività.

(infografica ripresa dal sito GobalWebIndex)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Fabio Caporizzi in Conad? Gira forte la voce in Burson

Fabio Caporizzi in Conad? Gira forte la voce in Burson

Per la prima volta il Time cambia testata e diventa ‘Vote’ in occasione delle elezioni Usa 2020

Per la prima volta il Time cambia testata e diventa ‘Vote’ in occasione delle elezioni Usa 2020

Le Big tech Usa investono una valanga di dollari in attività di lobbying. Ecco quanto spendono per esercitare influenza

Le Big tech Usa investono una valanga di dollari in attività di lobbying. Ecco quanto spendono per esercitare influenza