I dati Auditel in ritardo per un problema tecnico. Cairo: stupisce che sia proprio oggi, dopo il primo duello Fazio-Giletti

I dati Auditel in ritardo per un problema di natura “tecnica”, uscita posticipata alle ore 16. La Società che rileva l’ascolto della televisione in Italia spiega che il ritardo nella pubblicazione è dovuto a un rallentamento nella “raccolta delle referenze”, il meccanismo attraverso cui le rilevazioni sulle famiglie campione vengono acquisite dall’Auditel, e al conseguente “doppio controllo della produzione” come da protocollo in simili circostanze. Qui la nota dell’Auditel diffusa nel pomeriggio.

Urbano Cairo (Foto: Olycom)

Urbano Cairo, editore La7, ha espresso all’Ansa la sua perplessità: “mi stupisce molto che proprio oggi, dopo il primo duello tra Fazio e Giletti, ci sia un ritardo così importante della pubblicazione dei dati Auditel di ieri sera. Non voglio pensare male, anche se qualcuno diceva che a pensar male si fa peccato ma si indovina”.

“Mi ha colpito – prosegue Cairo – un messaggio di Giancarlo Leone che di Rai e di Auditel se ne intende il quale dice, magari in modo un po’ sibillino, che l’Auditel rivendica il ruolo di coprotagonista dello scenario tv e quindi si fa attendere. Non capisco se questa cosa è solo una battuta o altro. Comunque – conclude Cairo – aspettiamo di vedere i dati, intanto ieri sera mi sono goduto la prima di Giletti che è stata eccellente”. Ecco il tweet di Leone:

 

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Class Editori: Marco Moroni nominato amministratore delegato

Class Editori: Marco Moroni nominato amministratore delegato

Di Vittorio Feltri il necrologio più bello in memoria di Roberto Gervaso

Di Vittorio Feltri il necrologio più bello in memoria di Roberto Gervaso

Nyt: rivolta in redazione per l’op-ed sull’uso delle truppe contro le rivolte. Scuse dal giornale: non all’altezza degli standard

Nyt: rivolta in redazione per l’op-ed sull’uso delle truppe contro le rivolte. Scuse dal giornale: non all’altezza degli standard