Dca (concessionaria Uci e The Space) entra in Audimovie e la società torna a rappresentare l’intero mercato pubblicitario cinematografico

Il  Cda di Audimovie, presieduto da Gian Nicola Vessia, ha registrato ieri la cooptazione di due nuovi Consiglieri: Giuseppe Oliva, managing director della concessionaria DCA-Digital Cinema Advertising, e Simone Gialdini per ANEM-Associazione Nazionale Esercenti Multiplex. DCA, concessionaria dei circuiti cinematografici UCI Cinemas e The Space Cinema, è entrata in Audimovie da poche settimane. Si va ad aggiungere alle due concessionarie già da anni clienti: RAI Pubblicità e Moviemedia.

Giuseppe Oliva

Giuseppe Oliva

La società specializzata nella rilevazione delle audience Cinema torna così a rappresentare l’intero mercato pubblicitario del mezzo.

I Consiglieri, in rappresentanza di Anec, Anem, Assap Servizi, FCP, Unicom, UPA, hanno inoltre affrontato il tema dei progetti di ricerca per il 2018 e quello della riprogettazione del sito Audimovie, che saranno discussi e approfonditi in sede di Comitato Tecnico.

A margine del CDA le tre concessionarie, tutte associate a FCP-Associnema, si sono confrontate sui progetti di comunicazione e promozione del mezzo, che verranno ulteriormente definiti e condivisi col mercato nelle prossime settimane.

 

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Tv e relazioni sociali i pilatri del lockdown. Istat: televisione seguita dal 92% dei cittadini “indispensabile canale di aggiornamento”

Tv e relazioni sociali i pilatri del lockdown. Istat: televisione seguita dal 92% dei cittadini “indispensabile canale di aggiornamento”

Rassegne stampa, il Tar conferma la decisione Agcom: non sono riproducibili gli articoli a riproduzione riservata

Rassegne stampa, il Tar conferma la decisione Agcom: non sono riproducibili gli articoli a riproduzione riservata

Cinema, dal Mibact 120 milioni per il settore. Franceschini: servono nuovi investimenti

Cinema, dal Mibact 120 milioni per il settore. Franceschini: servono nuovi investimenti