Nel decreto fiscale in discussione al Senato torna il credito d’imposta per gli investimenti pubblicitari sul web anche nel 2018

Claudio Sonzogno – Nel decreto fiscale in discussione al Senato è stato approvato l’emendamento che riguarda il credito di imposta per gli investimenti pubblicitari 2017/18 sui media e new media. In particolare sono stati reintrodotti gli incentivi per il web anche per il prossimo anno, mentre è confermato che nel 2017 non rientreranno le radiotelevisioni, che invece vi saranno nel 2018.Inoltre potranno usufruire dei benefici fiscali anche gli enti non commerciali, come ad esempio le Ong.

Purtroppo il regolamento di attuazione con le specifiche del provvedimento, viste le modifiche in corso, e che comunque dovrà passare alla Camera per la definitiva approvazione, non potrà essere disponibile fintanto che il decreto fiscale non sarà definitivamente approvato.

L’aula del Senato (foto Olycom)

Intanto alla guida del Dipartimento dell’editoria, è tornato Ferruccio Sepe che però non risulta abbia ancora convocato la Commissione tecnica, che di solito si riunisce prima del 20 novembre, per rilasciare l’ok al saldo dei contributi entro l’anno e che rischiano così di slittare a febbraio- marzo del 2018.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Usa 2020, Trump contro media e big tech: sono corrotti. Non abbiamo libertà di stampa, ma solo fake news

Usa 2020, Trump contro media e big tech: sono corrotti. Non abbiamo libertà di stampa, ma solo fake news

Conte: conosciamo il valore sociale non solo economico di cinema e spettacolo; consapevoli degli immani sacrifici chiesti

Conte: conosciamo il valore sociale non solo economico di cinema e spettacolo; consapevoli degli immani sacrifici chiesti

Fondo Dni-Google per il giornalismo ha distribuito finora in Italia 11,5 milioni di euro in 45 progetti

Fondo Dni-Google per il giornalismo ha distribuito finora in Italia 11,5 milioni di euro in 45 progetti