Twitter rivede le sue politiche per la concessione della spunta blu. Via la certificazione a chi incita all’odio e alla discriminazione

Dopo aver annunciato qualche giorno fa la revisione degli account verificati, Twitter sta cominciando a togliere la ‘spunta blu’ – che sui social indica gli account ufficiali di personaggi e società popolari – a chi viola le sue linee guida.

La decisione di intervenire, ha spiegato Twitter, si lega al fatto che la spunta blu “pensata per autenticare l’identità”, è stata spesso interpretata come “un endorsement o un indicatore di importanza” da parte dello stesso social.

Jack Dorsey (foto Olycom)

Tra i motivi che possono portare alla revoca ci sono la promozione di odio o violenza contro qualcuno, attacchi e minacce sulla base di etnia, nazionalità, orientamento sessuale, identità di genere, religione, età, disabilità o malattia.

Primi ad essere colpiti dal provvedimento sono stati alcuni esponenti di estrema destra, tra cui alcuni suprematisti bianchi americani.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Dal Tribunale di Madrid primo round legale a favore di Perez e Agnelli: no a veti di esclusione dei club che promuovono la Superlega

Dal Tribunale di Madrid primo round legale a favore di Perez e Agnelli: no a veti di esclusione dei club che promuovono la Superlega

Superlega. Uefa tratta con un fondo investimento UK per creare una Champions da 7 miliardi di euro

Superlega. Uefa tratta con un fondo investimento UK per creare una Champions da 7 miliardi di euro

Nella TOP 20 SQUADRE INTERNAZIONALI PIÙ SOCIAL, 11 sono nella Superlega. Sensemakers: corrispondenza tra attività social e capacità di monetizzazione

Nella TOP 20 SQUADRE INTERNAZIONALI PIÙ SOCIAL, 11 sono nella Superlega. Sensemakers: corrispondenza tra attività social e capacità di monetizzazione