Analisi ascolti tv 19 novembre: l’Inter ridimensiona Rosy Abate, che stacca Fazio e ‘Le Iene’. Giletti scende al 6,3%. Al pomeriggio la Juve contiene il successo di ‘Domenica Live’. Bene Annunziata e Minoli

Rosy Abate (Giulia Michelini) e Barbara D’Urso non hanno poteri miracolosi. E Massimo Giletti non è una terribile killer application, capace da solo di rilanciare le audience de La7. Il ritorno della Serie A nel pomeriggio e nella serata televisiva di domenica 19 novembre ha rimesso le cose a posto. La presenza della Juve e di altre partite chiave al pomeriggio (i match delle 15.00 hanno fatto 1,5 milioni ed il 9,4% su Sky e 850mila spettatori ed il 5,4% su Premium), ha fatto calare le prestazioni che sembravano incompromibili di ‘Domenica Live’, rimasta comunque leader incontrastata dei contenitori (14,05% nella presentazione, il 16,32% con l’Attualità, il 16,31% con le Storie, il 19,37% nella prima parte, il 19,2% nella seconda e il 15,63% nell’Ultima Sorpresa, molti punti avanti a ‘Domenica In’, stabile all’11% su Rai1).

Nella foto, un momento della serie ‘Rosy Abate’; l’intervista di Fazio a Malagò; la partita Inter-Atalanta; Massimo Giletti e ‘Le Iene’

E alla sera, rispetto a sette giorni prima, la serie poliziesca di Canale 5 ha perso quasi mezzo milione di spettatori ed un punto di share (‘Rosy Abate’ a 4,449 milioni ed il 19,2% di share), lasciando comunque a distanza un Fabio Fazio ancora in fase negativa (‘Che tempo che fa’ ha avuto a 3,474 milioni ed il 13,3% con la prima parte e 2,089 milioni di spettatori con il 12,5% di share con la seconda parte).

Con meno ‘molestie’ nel menù e la concorrenza del calcio, sono andate giù pure ‘Le Iene’, ieri fermatesi a 1,952 milioni di spettatori e il 9,9%. Altro decremento importane quello de La7. Più spettatori di Massimo Giletti, attestatosi stavolta a 1,3 milioni e 6,31% (sette giorni fa ‘Non è l’Arena’ aveva esordito con 2 milioni circa e l’8,9% di share), hanno ottenuto sia i telefilm di Rai2 (per ‘Ncis’ 1,8 milioni e 6,71% e per ‘Bull’ 1,367 milioni e 5,5%) che il film della terza rete (‘Scelta d’amore, con Julia Roberts, a 1,329 milioni di spettatori e 5,52% di share). Male ha fatto Rete 4: la pellicola cult ‘Forrest Gump’ ha prodotto solo 837mila spettatori e il 3,83%, arrivando staccata dall’ottimo debutto di ‘Celebrity Masterchef’ su Tv8 (943mila spettatori con il 4% di share). A fare la differenza in prima serata, correndo appena dietro Italia 1, è stata quindi Inter-Atalanta sulle pay tv: il match deciso da una doppietta di Mauro Icardi ha attratto 1,2 milioni di spettatori ed il 4,6% di share su Sky e 640mila spettatori con il 2,4% su Premium.

Nella foto ‘Domenica In’; ‘In mezzora in più’ e un’azione della partita ‘Sampdoria-Juventus’

Senza sorprese, la dinamica delle scelte del pubblico in prima e seconda serata: è rimasta sempre largamente in testa Canale 5 con ‘Rosy Abate’ e poi in seconda serata hanno dominato ‘Le Iene’. Massimo Giletti è rimasto al terzo virtuale fino alle 21.30, ma poi ha perso la spinta riconquistando terreno e risalendo al 9% quando è terminato il programma di Fabio Fazio su Rai1.

In day time da registrare le buone prestazioni su Rai2 di ‘Quelli che aspettano’ (7,8%) e ‘Quelli che il calcio’ (8,2%) e su Rai3, quelle di ‘Mezzora in più’ (7,16% con Susanna Camusso e Carlo Cottarelli ospiti di Lucia Annunziata nella prima parte e Pierluigi Bersani nella seconda parte) e ‘Kilimangiaro’ (5,75% e l’8,82%). Al pomeriggio La7 ha fatto molto meglio del solito: ‘Faccia a faccia’ ha avuto il 2% con l’intervista di Giovanni Minoli e Franco Carraro e poi la replica di ‘Non è L’arena’ ha riscosso un buon 2,25%.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Maradona, Equipe titola ‘Dio è morto’

Maradona, Equipe titola ‘Dio è morto’

In uscita il nuovo numero di ‘Donne Chiesa Mondo’, il mensile de ‘L’Osservatore Romano’

In uscita il nuovo numero di ‘Donne Chiesa Mondo’, il mensile de ‘L’Osservatore Romano’

CHI FA CHE COSA per reagire alla crisi sociale da Covid-19

CHI FA CHE COSA per reagire alla crisi sociale da Covid-19