I giornalisti di La7 in stato di agitazione contro la sospensione dell’edizione domenicale di Tg cronache. Chiesto all’azienda un confronto su spazi informativi, piano industriale ed editoriale e applicazione del Contratto giornalistico

L’assemblea dei giornalisti de La7 esprime all’unanimità “contrarietà per la sospensione dell’edizione domenicale di Tg cronache e proclama lo stato di agitazione”. I giornalisti dell’emittente, si legge in una nota pubblicata il 20 novembre sul sito della Fnsi, “chiedono all’azienda di aprire subito un confronto sugli spazi in palinsesto per l’informazione, vero punto di forza dell’emittente, su un organico piano industriale ed editoriale e sulla corretta applicazione del Contratto nazionale di lavoro giornalistico, degli accordi aziendali e delle norme su sicurezza e igiene dei luoghi di lavoro, anche al fine di prevenire ulteriori vertenze legali”.

La redazione del Tg de La7, infine, “auspica l’apertura di un tavolo per la definizione di un premio di risultato, anche alla luce degli ottimi risultati economici dell’azienda”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Kantar, Alexis Nasard nominato global ceo

Kantar, Alexis Nasard nominato global ceo

Marco Bardazzi lascia Eni. La comunicazione da novembre passa a Erika Mandraffino

Marco Bardazzi lascia Eni. La comunicazione da novembre passa a Erika Mandraffino

Barachini su Auditel-Censis: Rai deve valorizzare patrimonio culturale e identitario del Paese e contribuire a formare pensiero critico degli italiani

Barachini su Auditel-Censis: Rai deve valorizzare patrimonio culturale e identitario del Paese e contribuire a formare pensiero critico degli italiani