Noi completamente contrari all’integrazione tra Open Fiber e Tim, dice l’ad di Enel Starace: la fusione finirebbe per penalizzare lo sviluppo della rete

“Siamo completamente contrari” a una fusione tra le reti di Open Fiber e Tim. Lo ha detto l’ad dell’Enel Francesco Starace, nel corso della conferenza stampa al termine della presentazione del piano strategico 2018-2020, rispondendo a una domanda specifica sull’ipotesi di fusione con la rete di Telecom Italia.

Francesco Starace (foto Olycom)

“Non c’è nessun merito e non ci sono vantaggi nel prevedere una fusione tra Open Fiber e un’altra rete”, ha spiegato il manager. “Siamo completamente concentrati sulla missione di Open Fiber, che è quella di completare l’opera di posa di cavi per lo sviluppo del servizio in Italia. Qualunque altra convinzione non ha merito e finisce per penalizzare il programma di sviluppo della rete nel Paese”.

Starace ha quindi assicurato di non aver cambiato idea rispetto a quello che aveva dichiarato a luglio scorso, quando disse che la fusione “non ha senso”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Tv e relazioni sociali i pilatri del lockdown. Istat: televisione seguita dal 92% dei cittadini “indispensabile canale di aggiornamento”

Tv e relazioni sociali i pilatri del lockdown. Istat: televisione seguita dal 92% dei cittadini “indispensabile canale di aggiornamento”

Cinema, dal Mibact 120 milioni per il settore. Franceschini: servono nuovi investimenti

Cinema, dal Mibact 120 milioni per il settore. Franceschini: servono nuovi investimenti

Radio Italia si rifà il look. Il rebranding presentato il 27 giugno con due giorni di ‘autogestione’ dei cantanti

Radio Italia si rifà il look. Il rebranding presentato il 27 giugno con due giorni di ‘autogestione’ dei cantanti