Le fake news sono roba vecchia. Secondo Assange le mettono in giro i servizi segreti

Per Julian Assange, in grande artefice di Wikileaks, quello delle fake news “è un fenomeno vecchio, prodotto anche dai servizi d’intelligence”. Lo ha detto oggi chiudendo in videoconferenza collegato a Milano con lo Iab Forum, il convegno organizzato dall’omonima associazione e dedicato al tema “Born digital”.

Julian Assange (foto Olycom)

Julian Assange (foto Olycom)

Il fondatore di WikiLeaks, riferisce l’Ansa, non ha potuto essere seguito in streaming, né ripreso o fotografato neppure dagli schermi della kermesse del digitale, ma ha parlato in videocollegamento dall’Ambasciata dell’Ecuador a Londra in cui vive come rifugiato da più di cinque anni. “Mi sembra una situazione interessante” ha detto rispondendo alle domande del moderatore Marco Montemagno (direttore creativo di Iab Forum).

Secondo Assange, il problema delle fake news riguarda “l’establishment e come questo costruisce la realtà”. “La realtà – ha aggiunto – sarà sempre più difficile da riconoscere rispetto al falso e alla finzione”. Ecco perché il fondatore di WikiLeaks ha invitato utenti e cittadini “a premere su governi e grandi società” per vedere esercitato il proprio diritto alla verità. Per Assange bisogna premere sui colossi del web, da Google e Facebook: “Possiedono più informazioni degli stessi servizi di intelligence” ha affermato.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Il Covid è costato alla Premier League quasi 1 miliardo di sterline tra assenza spettatori e diritti tv. Deloitte: ricavi -13% stagione 2019/2020

Il Covid è costato alla Premier League quasi 1 miliardo di sterline tra assenza spettatori e diritti tv. Deloitte: ricavi -13% stagione 2019/2020

Netflix lancia il suo primo shop online

Netflix lancia il suo primo shop online

Corte Ue: Anche le autorità nazionali per la privacy possono fare causa a Facebook in caso di violazione della direttiva su protezione dati

Corte Ue: Anche le autorità nazionali per la privacy possono fare causa a Facebook in caso di violazione della direttiva su protezione dati