Anche nei prossimi due anni Rai, Mediaset e Sky si spartiranno il 90% del mercato tv ma i tematici guadagnano posizioni. Lo dice il rapporto ITMedia Consulting 2017-2019 (TABELLA)

Anche nei prossimi due anni Rai, Mediaset e Sky si spartiranno il 90% del mercato tv in Italia. Ma i tematici guadagnano posizioni. Lo dice l’XI Rapporto ITMedia Consulting, la società diretta da Augusto Preta

.

Il mercato televisivo in Italia, secondo ITMedia Consulting, mostra segnali contraddittori, in un anno di transizione come è stato il 2017, dopo i segnali di ripresa del 2016. In diminuzione dell’1,1% se si considera il canone (che cala del -10%), in moderata crescita (+1,6%) considerando solo pubblicità e pay tv. La pay tv, con una crescita del 2,6%, diventa nel 2017 la prima risorsa del mercato, sorpassando la pubblicità.

Secondo ITMedia Consulting, nei prossimi 2 anni in termini di piattaforme il dato più significativo riguarda la broadband tv che nel 2019 diventerà la modalità primaria di accesso alla tv in 3,5 milioni di abitazioni, superando il digitale terrestre nell’offerta pay.

In termini di risorse – prosegue il comunicato  ITMedia Consulting – il mercato riprenderà a crescere, ma in misura inferiore al passato. La pay-tv, nonostante il calo della dtt, continuerà a crescere più di ogni altra risorsa e grazie alla broadband tv, che traina il mercato, rafforzerà la sua leadership nel mercato.

Sky, Mediaset e Rai, nelle previsioni di ITMedia Consulting, continueranno a spartirsi il 90% del mercato complessivo anche se perderanno due punti percentuali, in conseguenza allo sviluppo degli operatori “tematici” free nel digitale terrestre e nella broadband tv. Sky si conferma il principale attore sul mercato, aumentando il divario da Mediaset e Rai. Gli Alti Operatori crescono fino a raggiungere il 10,4%.

Nella pubblicità Mediaset rimane il principale operatore, con oltre la metà delle risorse, mentre nella pay-tv Sky non vede intaccato il suo primato, pur con una tendenza alla riduzione. Cresce la quota di altri operatori.

Il mercato cresce e si trasforma alla luce delle innovazioni tecnologiche: offerta personalizzata multipiattaforma e multischermo, canali tematici, servizi non lineari e on demand (Vod) diventano una componente sempre più significativa del consumo televisivo. Secondo ITMedia Consulting, solo gli operatori che saranno in grado di sfruttare al meglio le sfide tecnologiche dei prossimi anni potranno aspirare a giocare un ruolo centrale in questo nuovo scenario.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Agcom, osservatorio media 1° trimestre: quotidiani in calo (-8,2%); tv maluccio Rai e Mediaset, cresce La7; boom social di Instagram

Lo streaming on demand supera le pay tv nel Regno Unito con 15,4 milioni di abbonati

Mondiali 2018: spettatori a +18% sul 2014 (con partite divise tra Rai e Sky). Per la finale 4 milioni di contenuti social