Il ministro Orlando istituisce la Consulta permanente per il contrasto ai crimini e ai discorsi d’odio online

Il ministro della Giustizia Andrea Orlando ha firmato oggi il Decreto che istituisce la Consulta permanente per il contrasto ai crimini d’odio ed ai discorsi d’odio. La Consulta, spiega una nota pubblicata sul sito del ministero, svolgerà attività di supporto e consultiva rispetto a interventi e iniziative del Ministero della giustizia sia in ambito nazionale che a livello di Unione Europea. Presenterà relazioni e proposte, anche sulla base di monitoraggi e analisi dei fenomeni, per offrire elementi di valutazione circa l’impatto nel contrasto delle condotte discriminatorie.

Della Consulta, coordinata dal Capo di Gabinetto Elisabetta Cesqui, faranno parte i rappresentanti delle Associazioni, Agenzie, Comunità, Fondazioni e Unioni religiose, rappresentative dei diversi ambiti di contrasto alle condotte d’odio e che hanno già fornito il loro contribuito nel corso dei precedenti incontri. Il Gruppo sarà completato, per il Ministero della Giustizia, dai Capi dei quattro Dipartimenti e dalla Responsabile dell’Ufficio per il Coordinamento dell’Attività Internazionale.

Andrea Orlando, ministro della giustizia (foto Olycom)

La necessità di istituire uno specifico gruppo di lavoro consultivo permanente nasce dalla esperienza positiva delle riunioni promosse dal Ministro Orlando con le associazioni impegnate nel contrasto ad ogni tipo di discriminazione, durante questo ciclo di riunioni si è sempre ribadita la necessità di responsabilizzare le piattaforme internet per costruire all’interno della Rete stessa gli anticorpi per arginare il fenomeno, per fare un fronte unico contro gli odiatori, ma anche sanzionare all’interno del luogo in cui si svolgono i reati.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Tv e relazioni sociali i pilatri del lockdown. Istat: televisione seguita dal 92% dei cittadini “indispensabile canale di aggiornamento”

Tv e relazioni sociali i pilatri del lockdown. Istat: televisione seguita dal 92% dei cittadini “indispensabile canale di aggiornamento”

Rassegne stampa, il Tar conferma la decisione Agcom: non sono riproducibili gli articoli a riproduzione riservata

Rassegne stampa, il Tar conferma la decisione Agcom: non sono riproducibili gli articoli a riproduzione riservata

Cinema, dal Mibact 120 milioni per il settore. Franceschini: servono nuovi investimenti

Cinema, dal Mibact 120 milioni per il settore. Franceschini: servono nuovi investimenti