Papa Francesco incontra la piccola e media editoria: la vostra informazione fa sorgere nei lettori domande adeguate e senso critico

Papa Francesco ha incontrato i piccoli editori dell’Unione Stampa Periodica Italiana (Uspi) e della Federazione Italiana dei Settimanali Cattolici (Fisc): “la vostra voce, libera e responsabile – ha detto -, è fondamentale per la crescita di qualunque società che voglia dirsi democratica”. E ha esortato queste testate a perseguire e attuare una informazione “meno massificata” e “meno soggetta alla pressione delle mode”. Esprimendo apprezzamento per la funzione sociale e educativa svolta sui rispettivi giornali, cartacei e online. Esigenze alle quali “la media e piccola editoria può rispondere più facilmente”.

Papa Francesco (foto Olycom)

“Nel nostro tempo”, ha ricordato il Papa, “spesso dominato dall’ansia della velocità, dalla spinta al sensazionalismo a scapito della precisione e della completezza, dall’emotività surriscaldata ad arte al posto della riflessione ponderata, si avverte in modo pressante la necessità di un’informazione affidabile, con dati e notizie verificati, che non punti a stupire e a emozionare, ma piuttosto si prefigga di far crescere nei lettori un sano senso critico, che permetta loro di farsi adeguate domande e raggiungere conclusioni motivate”.

“In questo modo”, secondo Francesco, “si eviterà di essere costantemente in balia di facili slogan o di estemporanee campagne d’informazione, che lasciano trasparire l’intento di manipolare la realtà, le opinioni e le persone stesse, producendo spesso inutili polveroni mediatici”.

Il Santo Padre ha infine ammonito i 400 presenti a non cadere nei “peccati della comunicazione”, come: “la disinformazione – cioè dire soltanto una parte –, la calunnia, che è sensazionalistica, o la diffamazione, cercando cose superate, vecchie, e portandole alla luce oggi: sono peccati gravissimi, che danneggiano il cuore del giornalista e danneggiano la gente”.

Qui il testo integrale del discorso

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

La Premier League riparte il 17 giugno

La Premier League riparte il 17 giugno

Rai, l’ad Salini smentisce le voci di dimissioni: eventualità esclusa. Obiettivo portare avanti percorso iniziato

Rai, l’ad Salini smentisce le voci di dimissioni: eventualità esclusa. Obiettivo portare avanti percorso iniziato

Edicole, a Milano potranno emettere certificati anagrafici. Snag: nuovo modello commerciale

Edicole, a Milano potranno emettere certificati anagrafici. Snag: nuovo modello commerciale