Domenico Chiofalo nuovo direttore di Federnotizie, l’organo di stampa del sindacato dei notai italiani

Domenico Chiofalo, nuovo direttore di Federnotizie a partire dal 1° gennaio 2018, che sarà l’anno del trentennale per l’organo di stampa ufficiale di Federnotai, il sindacato dei notai italiani. Chiofalo, spiega una nota, guiderà Federnotizie per il prossimo triennio. Messinese d’origine, classe 1976, notaio in esercizio dal 2004 con sede in Malnate (VA), è stato dal 2012 al 2015 presidente di Federnotai Lombardia e componente delle Commissioni Comunicazione e Settore Propositivo del Consiglio Nazionale del Notariato.

“La sfida per il prossimo triennio – ha dichiarato Chiofalo – sarà quella di sviluppare i cardini principali del giornale, incrementando da un lato l’informazione sulla politica interna alla categoria e, dall’altro, approfondimenti di natura tecnica e giuridica. Inoltre terrò sempre aperto il confronto col mondo esterno ai notai attraverso incontri e collaborazioni per un dialogo costante con l’ambito accademico, economico, politico e professionale”.

Nel 2015, sotto la direzione di Alessandra Mascellaro, Federnotizie viene trasformata in un web magazine costantemente aggiornato: 388 gli articoli pubblicati in tre anni, 2,4 milioni le pagine visitate per 829mila utenti unici.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Il Covid è costato alla Premier League quasi 1 miliardo di sterline tra assenza spettatori e diritti tv. Deloitte: ricavi -13% stagione 2019/2020

Il Covid è costato alla Premier League quasi 1 miliardo di sterline tra assenza spettatori e diritti tv. Deloitte: ricavi -13% stagione 2019/2020

Netflix lancia il suo primo shop online

Netflix lancia il suo primo shop online

Corte Ue: Anche le autorità nazionali per la privacy possono fare causa a Facebook in caso di violazione della direttiva su protezione dati

Corte Ue: Anche le autorità nazionali per la privacy possono fare causa a Facebook in caso di violazione della direttiva su protezione dati