Gli utenti di Twitter apprezzano i cinguettii più lunghi. I dati SocialFlow: con il limite a 280 caratteri raddoppiate ricondivisioni e like (INFOGRAFICA)

E’ passato poco più di un mese da quando Twitter ha deciso di abbattere il muro storico dei 140 caratteri, raddoppiando lo spazio a disposizione per cinguettare. E a giudicare dai primi risultati, a dispetto dello scetticismo iniziale, la mossa messa in atto dal sito di microblogging sembra riscuotere un certo successo tra i suoi utenti, aumentando, almeno per il momento, i livelli di engagement.

Stando a quanto rilevato dal sito SocialFlow, gli iscritti tendono a retweetare e a contrassegnare con i like i post più lunghi due volte in più rispetto a quanto fatto con i messaggi con meno di 140 caratteri.

(Infografica rielaborata da Social Flow)

Nello specifico, monitorando i dati sui messaggi con link pubblicati tra il 29 novembre e il 6 dicembre – analizzando click, retweet e like – è emerso che quelli che presentano tra i 140 e i 280 caratteri sono stati ricondivisi in media il 26,52% delle volte contro la media di 13,71% di condivisioni dei cinguettii in vecchia versione. Stessa situazione anche per i like, con gli utenti che tendono a schiacciare sul cuoricino in media 50,28% per i tweet lunghi, contro le 29,96% per quelli più corti.
Resta invece costante il numero di click.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Il Covid è costato alla Premier League quasi 1 miliardo di sterline tra assenza spettatori e diritti tv. Deloitte: ricavi -13% stagione 2019/2020

Il Covid è costato alla Premier League quasi 1 miliardo di sterline tra assenza spettatori e diritti tv. Deloitte: ricavi -13% stagione 2019/2020

Netflix lancia il suo primo shop online

Netflix lancia il suo primo shop online

Corte Ue: Anche le autorità nazionali per la privacy possono fare causa a Facebook in caso di violazione della direttiva su protezione dati

Corte Ue: Anche le autorità nazionali per la privacy possono fare causa a Facebook in caso di violazione della direttiva su protezione dati