Condanna dai redattori di Askanews per il mancato pagamento della tredicesima. Comportamento scorretto, scrivono i giornalisti: affidato al Cdr un pacchetto di 5 giorni di sciopero

“L’assemblea dei redattori di Askanews esprime una forte condanna sull’ingiustificato mancato pagamento, ad oggi, della tredicesima, che da consuetudine aziendale avrebbe dovuto essere stata già versata. L’assemblea ritiene ancora più grave, inaccettabile e offensiva l’assenza delle dovute comunicazioni alla rappresentanza sindacale dei giornalisti che, nonostante ripetute richieste non è stata ricevuta dall’ad, Daniele Pelli, scelto dall’azionista di riferimento Luigi Abete”. Lo segnala una nota dell’agenzia, parlando di un “comportamento tanto più scorretto”, che “non può che pregiudicare le relazioni sindacali, dato che il Cdr ha avuto un incontro la scorsa settimana con i rappresentanti dell’azienda durante il quale non è stato fatto alcun cenno a possibili criticità sul fronte del pagamenti”.

“L’assemblea ricorda che una questione come il pagamento di una parte della retribuzione è tanto più importante per una redazione, come quella di Askanews, che sta sopportando con responsabilità un oneroso accordo di Cigs firmato solamente lo scorso 25 settembre, che è solo l’ultimo di una lunga serie di sacrifici.”

“L’assemblea – conclude il comunicato – “dà mandato al Cdr di intraprendere tutte le iniziative che si renderanno necessarie”, affidando al Cdr “un pacchetto di 5 giorni di sciopero”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Netflix lancia il suo primo shop online

Netflix lancia il suo primo shop online

Corte Ue: Anche le autorità nazionali per la privacy possono fare causa a Facebook in caso di violazione della direttiva su protezione dati

Corte Ue: Anche le autorità nazionali per la privacy possono fare causa a Facebook in caso di violazione della direttiva su protezione dati

Covid-19, un hacker ha dichiarato di aver sottratto i dati vaccinali di 7 milioni di italiani

Covid-19, un hacker ha dichiarato di aver sottratto i dati vaccinali di 7 milioni di italiani