Definitiva l’assoluzione di Andrea Camporese, ex presidente dell’Inpgi

Come riporta Inpginotizie.it la Procura della Repubblica presso il Tribunale Penale di Milano non ha impugnato il verdetto di assoluzione, perché il fatto non sussiste, emesso in primo grado dal Collegio Giudicante in relazione alle ipotesi di reato formulate nei confronti dell’ex Presidente dell’Inpgi, Andrea Camporese, nell’ambito del più ampio procedimento dibattimentale legato al fallimento della Società Sopaf.

Il Pubblico Ministero ha ritenuto di non presentare appello avverso la valutazione dei fatti e alla relativa qualificazione giuridica degli stessi, espressa dal Tribunale con riferimento alla posizione di Camporese, impugnando invece i punti della sentenza di primo grado relativi a capi di imputazione diversi, ascritti ad altri imputati, in relazione alle vicende che hanno portato al fallimento della predetta Società.

“Si chiude cosi’” – commenta la Presidente dell’ Inpgi, Marina Macelloni – “l’accertamento definitivo della totale estraneità dell’ex Presidente da ogni ipotesi di reato e viene confermata la assoluta correttezza, legittimità e trasparenza del suo operato alla guida del Cda dell’Inpgi in relazione all’intera vicenda legata all’acquisto delle quote del Fondo Fip”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Il mercato M&E italiano nel 2020 cala il valore a 30,9 miliardi, -9,5% causa Covid. PwC: spesa adv -19,7% – NUMERI E INFOGRAFICHE

Il mercato M&E italiano nel 2020 cala il valore a 30,9 miliardi, -9,5% causa Covid. PwC: spesa adv -19,7% – NUMERI E INFOGRAFICHE

Massimo Caputi, capo dello Sport del Messaggero, licenziato “per giusta causa”. Lo scrive Professione Reporter

Massimo Caputi, capo dello Sport del Messaggero, licenziato “per giusta causa”. Lo scrive Professione Reporter

Papa Francesco: importante una comunicazione onesta per raccontare la verità su quel che sta succedendo all’interno della Chiesa

Papa Francesco: importante una comunicazione onesta per raccontare la verità su quel che sta succedendo all’interno della Chiesa