Due giorni di sciopero al Sole 24 Ore. La redazione protesta contro la decisione dell’azienda di disdettare unilateralmente un accordo integrativo. Con immediato taglio delle retribuzioni

Il Sole 24 Ore non sarà in edicola sabato e domenica. La redazione, si legge in una nota del Cdr, ha scelto di scioperare per due giorni di fronte alla decisione dell’azienda di disdettare unilateralmente un accordo integrativo, con l’immediata conseguenza di un taglio delle retribuzioni. “Una protesta che porta il giornale a non essere in edicola per ben 4 giorni e che non è stata certo presa a cuore leggero”. La mossa dell’azienda, prosegue il Cdr, “un atto senza precedenti  nella storia delle relazioni sindacali del Sole 24 Ore, è tanto più ingiustificata perché arriva a soli 10 mesi dalla firma di uno stato di crisi che ha condotto all’uscita 35 colleghi, con sensibili risparmi. Ma soprattutto è ancora più sconcertante che la disdetta unilaterale colpisca una redazione che ha denunciato in tutti i modi la gestione dissennata del recente passato; è poi assolutamente miope perché rischia di compromettere alla radice una stagione che doveva essere invece di rilancio, come anche poche ore fa sottolineato dall’amministratore delegato Franco Moscetti davanti a tutti i dipendenti”.

La sede del Sole 24 Ore

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Il mercato M&E italiano nel 2020 cala il valore a 30,9 miliardi, -9,5% causa Covid. PwC: spesa adv -19,7% – NUMERI E INFOGRAFICHE

Il mercato M&E italiano nel 2020 cala il valore a 30,9 miliardi, -9,5% causa Covid. PwC: spesa adv -19,7% – NUMERI E INFOGRAFICHE

Massimo Caputi, capo dello Sport del Messaggero, licenziato “per giusta causa”. Lo scrive Professione Reporter

Massimo Caputi, capo dello Sport del Messaggero, licenziato “per giusta causa”. Lo scrive Professione Reporter

Papa Francesco: importante una comunicazione onesta per raccontare la verità su quel che sta succedendo all’interno della Chiesa

Papa Francesco: importante una comunicazione onesta per raccontare la verità su quel che sta succedendo all’interno della Chiesa