Lavazza acquisisce il 25% di Chili e diventa secondo azionista della piattaforma di video streaming

Lavazza investe nell’intrattenimento digitale. Una holding finanziaria riconducibile alla famiglia, proprietaria della azienda torinese di caffè, ha acquistato il 25% di Chili, piattaforma di video on demand che conta tra i suoi investitori anche Sony Pictures Entertainment, Paramount Pictures, Viacom e Warner Bros.

L’operazione, confermata dalla Luigi Lavazza Spa, ammonta secondo quanto segnala il Financial Times, a circa 25 milioni di euro e porta il gruppo ad essere il secondo azionista della società, alle spalle dei due fondatori Stefano Parisi e Giorgio Tacchia, attuale amministratore delegato, che detengono il 32%.

Nata nel 2012, oltre che nel mercato italiano, Chili ha lanciato il servizio anche in Gran Bretagna, Polonia, Germania e Austria.

Nella foto Stefano Parisi e Giorgio Tacchia

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Il mercato M&E italiano nel 2020 cala il valore a 30,9 miliardi, -9,5% causa Covid. PwC: spesa adv -19,7% – NUMERI E INFOGRAFICHE

Il mercato M&E italiano nel 2020 cala il valore a 30,9 miliardi, -9,5% causa Covid. PwC: spesa adv -19,7% – NUMERI E INFOGRAFICHE

Massimo Caputi, capo dello Sport del Messaggero, licenziato “per giusta causa”. Lo scrive Professione Reporter

Massimo Caputi, capo dello Sport del Messaggero, licenziato “per giusta causa”. Lo scrive Professione Reporter

Papa Francesco: importante una comunicazione onesta per raccontare la verità su quel che sta succedendo all’interno della Chiesa

Papa Francesco: importante una comunicazione onesta per raccontare la verità su quel che sta succedendo all’interno della Chiesa