Obama mette in guardia sull’uso irresponsabile dei social. Distorcono la capacità di capire questioni complesse, diffondendo false notizie, dice l’ex presidente Usa alla Bbc

L’ex presidente Usa Barack Obama torna a mettere in guardia sull’uso irresponsabile dei social media. In un’intervista alla Bbc – realizzata dal principe Harry – , l’ex inquilino della Casa Bianca ha spiegato come l’uso sbagliato di questi mezzi stia distorcendo la capacità dell’opinione pubblica di comprendere questioni complesse e diffondendo false informazioni, In passato Obama aveva già criticato l’uso eccessivo delle piattaforme social, caratteristico del suo successore Donald Trump, senza tuttavia mai nominarlo direttamente.

Barack Obama (foto Olycom)

“Uno dei pericoli di Internet è che le persone possano avere realtà completamente diverse: possono essere imbozzolati in un’informazione che rafforza i loro pregiudizi”, ha osservato l’ex presidente Usa. “La questione ha a che fare con il modo in cui sfruttiamo questa tecnologia in maniera da consentire una molteplicità di voci, una diversità di punti di vista, ma non portare a una balcanizzazione della società e consentire invece di trovare un terreno comune”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Il mercato M&E italiano nel 2020 cala il valore a 30,9 miliardi, -9,5% causa Covid. PwC: spesa adv -19,7% – NUMERI E INFOGRAFICHE

Il mercato M&E italiano nel 2020 cala il valore a 30,9 miliardi, -9,5% causa Covid. PwC: spesa adv -19,7% – NUMERI E INFOGRAFICHE

Massimo Caputi, capo dello Sport del Messaggero, licenziato “per giusta causa”. Lo scrive Professione Reporter

Massimo Caputi, capo dello Sport del Messaggero, licenziato “per giusta causa”. Lo scrive Professione Reporter

Papa Francesco: importante una comunicazione onesta per raccontare la verità su quel che sta succedendo all’interno della Chiesa

Papa Francesco: importante una comunicazione onesta per raccontare la verità su quel che sta succedendo all’interno della Chiesa