Quasi 200 giornalisti italiani messi sotto protezione nel 2017. I dati Rsf: una decina vive sotto scorta 24 ore su 24

Nel corso del 2017, sono in tutto 196 i giornalisti italiani che hanno avuto bisogno della protezione della polizia. Lo riferisce Reporters sans Frontières, citando “cifre particolarmente allarmanti” rivelate dal ministero dell’Interno, dove da qualche settimana si è insediato il Coordinamento per la sicurezza dei giornalisti, voluto dal titolare del Viminale, Marco Minniti, al quale fanno parte anche Fnsi e Odg.

“In Italia indagare su una rete mafiosa o criminale mette spesso a rischio la vita dei giornalisti”, si legge nel rapporto che cita tra gli altri Paolo Borrometi, Lirio Abbate e i due cronisti minacciati dai clan di Ostia, Daniele Piervincenzi e Federica Angeli.

Lirio Abbate, Paolo Borrometi, Federica Angeli, Daniele Piervincenzi (foto Twitter)

In particolare, secondo l’ong, sono una decina al momento i giornalisti sottoposti a protezione rafforzata e permanente da parte dei poliziotti incaricati delle loro sicurezza 24 ore su 24″.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Il Covid è costato alla Premier League quasi 1 miliardo di sterline tra assenza spettatori e diritti tv. Deloitte: ricavi -13% stagione 2019/2020

Il Covid è costato alla Premier League quasi 1 miliardo di sterline tra assenza spettatori e diritti tv. Deloitte: ricavi -13% stagione 2019/2020

Netflix lancia il suo primo shop online

Netflix lancia il suo primo shop online

Corte Ue: Anche le autorità nazionali per la privacy possono fare causa a Facebook in caso di violazione della direttiva su protezione dati

Corte Ue: Anche le autorità nazionali per la privacy possono fare causa a Facebook in caso di violazione della direttiva su protezione dati