La nuova edizione di ‘Uomini Comunicazione’ è in edicola con ‘Prima Comunicazione’. La guida festeggia 30 anni e lancia il progetto W l’Italia

La seconda edizione 2017 di ‘Uomini Comunicazione’ è in edicola con ‘Prima’ di dicembre, con un numero speciale che festeggia i 30 anni della guida e lancia il progetto ‘W l’italia’, un’ iniziativa di bene comune, per costruire e migliorare l’immagine del nostro Paese coinvolgendo i protagonisti della comunicazione, del mondo dei media e dell’audiovisivo.

Hanno accettato di esserne testimonial importanti manager che vivono e lavorano all’estero occupandosi di marketing, pubblicità, relazioni istituzionali, cinema. Tra loro Marco Ausenda, Luca Biondolillo, Carlo D’Asaro Biondo, Vittorio Cino, Mainardo de Nardis, Monica Biagiotti, Luca Lindner, Giovanni Perosino e Gregorio Sassoli, che raccontano dal loro osservatorio come gli italiani sono percepiti e perché dobbiamo avere fiducia e darci da fare.

Sono 16.253 le donne e gli uomini protagonisti dell’edizione di dicembre 2017 di Uomini comunicazione, la guida ai professionisti responsabili delle relazioni esterne, uffici stampa, marketing e pubblicità delle aziende e delle istituzioni italiane, che esce a dicembre con un numero speciale per l’anniversario dei 30 anni della pubblicazione, il cui primo numero è uscito nel dicembre del 1987. Tre decenni in cui, come è scritto nell’editoriale di introduzione al volume, si sono registrati “cambiamenti che sono stati a volte drammatici ma che hanno insegnato velocità e ingegno nel fare i conti con dure crisi economiche (i cui effetti immediati sono stati i tagli alle spese in comunicazione) e con una rivoluzione sociale, economica, culturale e antropologica generata dalle tecnologie digitali, dai social media, dal programmatic advertising. Un terremoto che ha messo sotto sopra l’ecosistema della comunicazione”.

Un’edizione speciale, in cui si è deciso anche “di uscire dal rigore della guida per dare anima e corpo ai protagonisti della comunicazione e coinvolgerli in un progetto di bene comune per contribuire a lanciare idee, informazioni e proposte per costruire un’architettura di comunicazione che dia all’Italia quel che l’Italia merita, un’immagine non di vetrina ma fondata e culturalmente significativa”. E’ il progetto di ‘W l’Italia’ di cui hanno accettato di essere testimonial importanti manager che vivono e lavorano all’estero occupandosi di marketing, pubblicità, relazioni istituzionali, cinema. Tra loro Marco Ausenda, Luca Biondolillo, Carlo D’Asaro Biondo, Vittorio Cino, Mainardo de Nardis, Monica Biagiotti, Luca Lindner, Giovanni Perosino e Gregorio Sassoli, che raccontano dal loro osservatorio come siamo percepiti e perché dobbiamo avere fiducia e darci da fare.
Il progetto, basato su gruppi di lavoro, è aperto a tutti coloro che decideranno di partecipare e potrebbe avere una forma organizzativa che trae ispirazione da quella dell’ICIJ, il consorzio internazionale di giornalisti sparsi in 70 Paesi del mondo, che ha realizzato le due famose inchieste Panama Papers e Paradise Papers.

La sezione di ‘Uomini Comunicazione’ dedicata al progetto W l’Italia è disponibile in digitale, in un’edizione speciale per smartphone e tablet.

Abbonati al mensile ‘Prima’ edizione cartacea (+ Uomini Comunicazione), alla versione digitale per tablet e smartphone o a quella combinata carta-digitale: Prima + Uomini + edizione per tablet e smartphone 

Per chiedere l’invio postale di una o più copie di ‘Uomini Comunicazione’ scrivere a serviziocortesia@primaonline.it

Per ritirare ‘Uomini comunicazione’  presso la nostra sede (Lu-Ve 9.30-18):  Editoriale Genesis – via Vincenzo Monti 15, Milano – Tel. 02 48194401

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

La nuova edizione del ‘Grande Libro dell’Informazione’ disponibile con ‘Prima’ in edicola e in digitale

L’edizione 2018 del ‘Grande Libro dello Sport e Comunicazione’ in edicola, allegata a ‘Prima’, e disponibile in digitale

Fatti del mese – Pagina 13 corretta