Don Matteo brilla meno, un flop le prime tv Mediaset, Formigli batte Del Debbio, vola Tv8 con Lazio-Dinamo

Nella serata dell’otto marzo le due storie di ‘Don Matteo’ erano entrambe coerenti con il tema di giornata. La fiction Lux, però, ha pagato ugualmente dazio al calcio e alla politica, non soffrendo per nulla, invece, la contrapposizione delle pellicole ambiziose in prima tv su Canale 5 e Italia 1.

 

La serie di Rai1 con Terence Hill protagonista ieri è calata sotto la soglia dei 6 milioni (a 5,986 milioni e 27,05%), ma a fare malissimo sono stati soprattutto ‘The Martian’ su Canale 5 (solo 2 milioni e il 10,26% il film con Matt Damon) e ‘Crimson Peak’ su Italia 1 (757mila spettatori e il 3,3%).

Sul terzo gradino del podio è salita virtualmente L’Europa League, in versione free+pay del gruppo Sky:  ‘Lazio-Dinamo Kiev’ ha ottenuto su Tv8 in chiaro 1,366 milioni e 5,5% di share; su Sky Sport lo stesso incontro ha conseguito 468mila spettatori con l’1,9% di share, per un totale di oltre 1,7 milioni di spettatori e il 7%. Dietro le prime tre hanno corso molto vicine tra loro La7, Rai2 e Rete4.

Su Rai2 una buona puntata di ‘Boss in incognito’ (protagonista Marco D’Arrigo il fondatore di California Bakery) ha riscosso 1,478 milioni di spettatori e il 6,1%, mentre i due lunghissimi talk politici hanno portato a casa entrambi ottimi risultati. Su La7 ‘Piazzapulita’, con Corrado Formigli alla conduzione e tra gli ospiti Matteo Richetti, Ferruccio De Bortoli, Antonio Padellaro, Barbara Serra, Domenico De Masi, Teresa De Sio, Stefano Feltri, Ernesto Preatoni, Stefano Massini, Alessandro De Angelis e Michele Ainis, ha raccolto 1,345 milioni di spettatori e il 6,95% di share tra le 21.19 e le 24.44. Su Rete4 ‘Quinta Colonna’, con Paolo Del Debbio alla conduzione e tra gli ospiti Federico Pizzarotti, Mario Giordano, Peter Gomez, Luca Zaia, Maria Stella Gelmini, Alessia Morani, Gianfranco Librandi, Giancarlo Giorgetti, Vladimir Luxuria e Daniela Santanché, ha avuto 1,2 milioni di spettatori e il 6% di share tra le 21.22 e le 24.31 (e con la coda finale 629mila spettatori e il 7,71%).

Ebbene, se si considera il periodo in cui le trasmissioni di Rai2, La7 e Rete 4 sono andate in onda contemporaneamente, il bilancio racconta i veri equilibri: Formigli ha fatto il botto a quota 1,6 milioni con il 6,67% di share, terzo programma generalista; ‘Boss In incognito’ ha conseguito 1,468 milioni ed il 6,05% di share; Del Debbio con 1,2 milioni ed il 5,02% di share è arrivato penultimo. Se si considera per la fase di sovrapposizione – più ampia – tra i talk di Rete 4 e La7, si registra un recupero di Del Debbio (davanti al rivale dopo le 24.00), a 1,2 milioni con il 6% (per Formigli 1,391 milioni ed il 6,95% di share). Più del film di Italia 1 e de ‘La Grande Storia’ su Rai3 (986mila e 4%) ha fatto infine su SkyUno la finale di ‘Masterchef’, a 975mila spettatori di flusso con il 4,2%, soffrendo la concorrenza interna dell’Europa League.

In seconda serata è stato chiaro il predominio di ‘Porta a Porta’. Trainata da ‘Don Matteo’, la puntata al femminile del salotto vespiano (con Roberta Pinotti, Beatrice Lorenzin, Lucia Borgonzoni e Annagrazia Calabria) ha conseguito 1,257 milioni di spettatori e 14,91% di share. Un clamoroso flop, prima di ‘Linea Notte’ (296 mila e 3,28% di share), continua ad essere il pur meritevole show musicale ‘Ossigeno’ su Rai3 (con Manuel Agnelli alla conduzione 274mila e 1,6% di share).

In access ancora netto il predominio di Lilli Gruber su Maurizio Belpietro. Su La7 ‘Otto e mezzo’, con Mario Monti e Marco Travaglio ospiti, ha avuto 1,864 milioni di spettatori e il 7,41%; su Rete 4 ‘Dalla vostra parte’, con Luciano Fontana, Veronica Gentili, Alessia Rotta, Daniele Martinelli, Fidel Bauna ospiti, ha ottenuto 949mila spettatori e il 3,8%.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Il chief digital officer Marco Formento lascia Condé Nast

Il chief digital officer Marco Formento lascia Condé Nast

Cina e (assenza di) liberta di stampa. Aumenta la stretta di Pechino sui giornalisti stranieri

Cina e (assenza di) liberta di stampa. Aumenta la stretta di Pechino sui giornalisti stranieri

Riapre il Mausoleo di Augusto, Rossi (Fondazione Tim): Orgogliosi per il recupero di un luogo importante dell’archeologia, impegnati 8 milioni

Riapre il Mausoleo di Augusto, Rossi (Fondazione Tim): Orgogliosi per il recupero di un luogo importante dell’archeologia, impegnati 8 milioni