Anche Twitter pronta a vietare le pubblicità di criptovalute

Condividi

Anche Twitter è pronta a dare lo stop agli annunci pubblicitari di criptovalute sulla sua piattaforma. Secondo le indiscrezioni di Sky News, la nuova regola sarà attuata nel giro di due settimane e includerà la pubblicizzazione delle Ico, Initial Coin Offering, cioè le raccolte di fondi, delle vendite di token e dei portafogli di criptovalute.

La decisione di Twitter segue quanto già fatto da Facebook e Google. Da gennaio il social network di Zuckerberg ha vietato la promozione di prodotti di natura finanziaria spesso associati ad attività illecite o promozioni ingannevoli, mentre Big G solo pochi giorni fa ha annunciato di voler limitare notevolmente gli annunci riguardanti le criptovalute e i relativi servizi.

Jack Dorsey (Foto EPA/ANDREW GOMBERT)

Il tema della regolamentazione delle criptovalute comunque sta ottenendo l’attenzione anche da parte delle autorità e dovrebbe essere affrontato anche alla riunione dei ministri delle finanze e dei governatori della banche centrali del G20 in corso a Buenos Aires. A inizio mese, Mark Carney, il governatore della Bank of England, ha dichiarato ai microfoni di Sky News che è stato effettuato un giro di vite nel settore delle criptovalute, perchè è ormai giunto il momento di “regolare elementi dell’ecosistema dei crypto-asset al fine di combattere le attività illegali”.

“Ci sono problemi legati alle autorità che si occupano di riciclaggio di denaro, finanziamento a favore di attività terroristiche e determinazione dei prezzi”, ha spiegato. “Ci sono stati alcuni incidenti, furti soprattutto, non grandi crimini, ma frodi al portafoglio di alcuni clienti”.