GQ e Gucci, al via la seconda edizione della serie ‘The performers’

Condividi

Al via Act VI, la seconda edizione di “The Performers,” della serie di film in cinque parti curata da Dylan Jones, direttore dell’edizione britannica di GQ, in partnership con Gucci. Il progetto di contenuto, si legge in una nota, è nativo di Condé Nast International Commercial e sarà pubblicato sui siti e sulle piattaforme social di Gucci e delle edizioni internazionali della rivista dedicata al lifestyle maschile GQ, come progetto di collaborazione globale.
Nel 2017, GQ e Gucci hanno debuttato con “The Performers”, documentando il pellegrinaggio di cinque personaggi influenti in luoghi inattesi che hanno influenzato la loro vita interiore e la loro visione del mondo. La collaborazione creativa è stata rinnovata nel 2018 per altri cinque episodi.

Dylan Jones, direttore dell’edizione britannica di GQ e produttore esecutivo della serie, commenta “La prosecuzione di questa nostra collaborazione ci offre la meravigliosa opportunità di presentare ‘The Performers’, talenti rilevanti dal punto di vista culturale che ci offrono ispirazione, dei veri marcatori di gusto, classe e creatività. Quello di Michael Clark, che offre un saggio della sua fervente creatività, è un debutto appropriato per Act VI”.

Act VI vede la partecipazione del ballerino e coreografo scozzese, Michael Clark, che si esibisce in una serie di performance nei love hotel di Tokyo. Clark, che ha iniziato a ballare all’età di quattro anni, ha studiato per diventare ballerino professionista alla Royal Ballet School.
In linea con la sua visione personale, Clark fonda la sua compagnia di danza, la Michael Clark company, lavorando con alcuni dei più eccezionali outsider post punk britannici, dal performance artist Leigh Bowery a Mark E Smith di The Fall.

Clark ritorna in Giappone in occasione di questo viaggio, documentato dal regista Johnny Hardstaff, dopo aver stabilito un forte legame con il paese durante il tour del 1980 in compagnia della madre e di Bowery. “Penso che il Giappone mi abbia scoperto prima che io scoprissi me stesso. Hanno preso il mio lavoro molto sul serio e per me questo ha avuto un significato importante”, sostiene. “È commovente ritornarci”.
Altri episodi usciranno nel corso del 2018.