Casaleggio spiega al Washington Post i 5 Stelle e annuncia una selezione meritocratica

Condividi

Davide Casaleggio, presidente dell’Associazione Rousseau ha rilasciato un’intervista all’Washington Post, riportata poi anche sul sito dei 5 Stelle, nella quale ha spiegato  i motivi del successo del movimento guidato da Di Maio  in particolare alle elezioni del 4 marzo dove ha raccolto il 33% delle preferenze.

“La nostra esperienza è la prova di come la Rete ha reso obsoleti e diseconomici i partiti e più in generale i precedenti modelli organizzativi. Il MoVimento 5 Stelle ha ottenuto circa 11milioni di voti lo scorso 4 marzo – dice Casaleggio al  Washington Post  – e fa specie pensare che ai partiti tradizionali, invece, ogni singolo voto è costato fino a cento volte di più (+Europa ha un costo stimato di 7 euro a voto)”.

Davide Casaleggio (Foto Ansa/Massimo Percossi)

Casaleggio sostiene che la democrazia diretta, resa possibile dalla Rete, ha dato una nuova centralità del cittadino nella società e che il movimento ne sia un esempio. “I nostri parlamentari sono stati scelti attraverso delle votazioni online su Rousseau, e non al chiuso di una stanza come hanno fatto i partiti. Perché sono i cittadini che ci finanziano attraverso micro-donazioni, sono i cittadini che scelgono il nostro programma e i nostri rappresentanti”, prosegue nell’intervista al Washington Post. Oggi su Rousseau, la piattaforma attraverso la quale il MoVimento si finanzia, gli iscritti possono proporre leggi da portare nei vari parlamenti grazie a Lex Iscritti: “l’associazione è riuscita a presentare circa 20 proposte legislative in Parlamento, tutte votate dai cittadini online”.

Casaleggio  annuncia anche che per il futuro la piattaforma ha altri progetti: ad esempio attraverso la Rousseau Open Academy il partito immagina un percorso di selezione meritocratico che “ci assicura di schierare candidati di altissima qualità”. “L’Accademia si propone di educare alla cittadinanza digitale in tutta Italia attraverso corsi sul territorio e online”.

L’articolo del Washington Post ‘A top leader of Italy’s Five Star Movement: Why we won

L’articolo su Il blog delle stelle ‘Il successo del MoVimento 5 Stelle raccontato al Washington Post