Moreno Pisto nominato brand & content manager di Moto.it e Automoto.it (Crm). Lascia ‘Riders’

Condividi

Moreno Pisto è stato nominato  brand & content manager di Moto.it e Automoto.it. Per approdare al gruppo Crm Pisto  lascia la direzione di Riders e Urban.  Testate di Milano Fashion Library di Diego Valisi che alla guida di Riders ha chiamato Roberto Parodi,  alla direzione di Urban Marco Cresci e per quella di Entertainment Illustrated ha nominato Peter Cardona.


In Crm quella di Pisto è una  nuova figura che sarà il trait d’union tra l’editore, le redazioni di Moto.it e Automoto.it, l’area eventi e progetti speciali. Pisto avrà una visione d’insieme dello sviluppo dei due brand, lavorando con Cinzia Giacumbo, Head of Design recentemente entrata in CRM, sulla crescita delle attività sui social, sul visual e sull’immagine coordinata del network.

«Moto.it dal 1997 è diventato leader di mercato tra i siti dedicati alle due ruote e con Automoto.it, nato nel 2012, stiamo percorrendo la stessa strada» – afferma Ippolito Fassati CEO di CRM – «Per questo l’ingresso di Moreno Pisto in CRM è fondamentale per rafforzare e diversificare la crescita del network, che nel 2017 ci ha dato grandi soddisfazioni con un +38% di utenti unici rispetto all’anno passato, ma possiamo e vogliamo fare di più».

«Moto.it e Automoto.it sono due realtà che si sono affermate in maniera forte e strategica ormai da diversi anni, ma hanno delle potenzialità enormi ancora da sfruttare e sviluppare sia in termini di crescita traffico che di posizionamento.» – dichiara Moreno Pisto – «Il nostro obiettivo quindi è quello di ampliare il network, definendo delle strategie che ci permettano di essere più incisivi sia sul nostro target di riferimento sia su un pubblico più vasto.»

Moreno Pisto
38 anni, dopo aver lavorato in Mondadori e Rcs, ha ricoperto per molti anni vari ruoli nella redazione di Riders, il magazine maschile con un taglio lifestyle pensato per chi vive la passione per le moto. Nel dicembre 2015 prende in mano la direzione di Urban a cui, nel marzo del 2017, si aggiunge quella di Riders. Sotto la sua guida entrambi i giornali diventano dei veri e propri network fatti di magazine, social, progetti speciali, eventi e agenzia creativa. Lascia Riders dopo aver firmato il numero monografico su Valentino Rossi, un’edizione speciale che ha raccontato i dieci anni della VR46 come mai era stato fatto prima.