Netflix annuncia una nuova serie italiana prodotta da Fandango. Il ceo Hastings: al lavoro con partner europei

Condividi

Cresce la produzione originale di Netflix nell’area Emea (Europa, Medio Oriente ed Africa). Ad annunciarlo Erik Barmack, vp international originals di Netflix, nel corso dell’evento ‘See what’s next’ organizzato a Villa Miani a Roma, all’indomani della presentazione dei dati trimestrali.“Ci sono 55 titoli in produzione nell’area Emea”, ha spiegato. “Stiamo investendo molto perché stiamo trovando storie eccellenti che piacciano molto anche nelle altre parti del mondo”, ha aggiunto, anticipando tra l’altro, l’arrivo di ‘Jinn’, prima serie in arabo.

Le novità riguardano anche per le produzioni originali italiani. Netflix ha annunciato  l’arrivo di ‘La luna nera’, serie basata su un manoscritto mai pubblicato sulla stregoneria nel Medioevo, che sarà prodotta da Fandango.

reed hastings
Reed Hastings, ceo di Netflix (foto Olycom)

Il colosso dello streaming ha poi annunciato anche il cast di ‘Baby’, la serie originale liberamente ispirata allo scandalo delle adolescenti squillo scoppiato a Roma nell’estate 2014. Diretta da Andrea De Sica e Anna Negri, con Benedetta Porcaroli, Alice Pagani, Riccardo Mandolini, Isabella Ferrari, Claudia Pandolfi, Paolo Calabresi e altri attori italiani, la produzione è una storia di formazione che esplora le vite segrete di alcuni adolescenti romani, seguendo le vicende di un gruppo di ragazzi del quartiere Parioli, sullo sfondo di amori proibiti, pressioni familiari e segreti condivisi. In lavorazione anche la seconda stagione di ‘Suburra’ e Winx Club, tratta dall’omonima serie animata.

“Dal gennaio 2016 il servizio è operativo in tutto il mondo, a parte la Cina”, ha ricordato il ceo Reed Hastings. “Stiamo lavorando con altri partner europei, in modo tale che i clienti possano vedere gli show di Netflix in uno stesso pacchetto”. “La cosa più entusiasmante – ha concluso – è la condivisione dei contenuti”.