Carlo Morfini nuovo dg della Triennale. Scelti i quattro curatori di settore

Condividi

Il Cda della Fondazione La Triennale di Milano si è riunito e ha nominato il nuovo direttore generale e i quattro curatori di settore, che sono stati presentati alla stampa in una conferenza a cui ha partecipato anche il sindaco di Milano Giuseppe Sala.

Giuseppe Sala, Stefano Boeri e Carlo Morfini
Giuseppe Sala, Stefano Boeri e Carlo Morfini

“Un nuovo inizio non può che partire dalla scelta delle persone, dal team di donne e uomini che guiderà la Triennale nei prossimi anni”, ha afferma Stefano Boeri, presidente della Fondazione La Triennale di Milano. “Abbiamo puntato su profili con competenze differenti ma tutti con esperienze e collaborazioni internazionali” , ha aggiunto.

Come direttore generale arriva, per i prossimi quattro anni, Carlo Morfini, scelto attraverso l’avviso di selezione pubblicato il 14 marzo 2018 sul sito web della Triennale. “Guiderà l’istituzione nel processo di semplificazione e di revisione della governance”, ha assicurato Boeri, “portando la Triennale a livelli sempre più alti e competitivi con le altre istituzioni internazionali”.

Da sinistra in alto in senso orario: Stefano Boeri, Carlo Morfini, Umberto Angelini, Lorenza Baroncelli, Myriam Ben Salah, Joseph Grima

I Curatori di settore nominati sono, invece: Umberto Angelini per il settore teatro, danza, performance, musica; Lorenza Baroncelli per il settore architettura, rigenerazione urbana, città, con delega al coordinamento artistico; Myriam Ben Salah per il settore new media, fotografia, cinema, televisione; Joseph Grima per il settore design, moda, artigianato. I Curatori di settore resteranno in carica quattro anni.

“La Triennale di Milano” ha proseguito il presidente Stefano Boeri “intende ampliare e rafforzare la sua rete di collaborazioni a livello internazionale. In quest’ottica, oltre a Paola Antonelli, curatrice per l’architettura e il design al Museum of Modern Art di New York e curatrice della XXII Esposizione Internazionale della Triennale di Milano, alcune figure di spicco del mondo del design, dell’arte e della cultura collaboreranno nei prossimi mesi con l’istituzione”.