Tribunale accoglie ricorso di Tim e Vivendi: no a revoca consiglieri

Condividi

Bocciata la richiesta del fondo – accettata dal collegio sindacale – di integrare l’ordine del giorno dell’assise inserendo la sostituzione di sei consiglieri in quota Vivendi. Si andrà al voto il 4 maggio per l’intero cda.






La delibera del collegio sindacale sull’integrazione dell’ordine del giorno dell’assemblea Tim, con la revoca di sei consiglieri e la nomina di altri sei, “appare suscettibile di dar corso a un assemblea su un odg per cosi’ dire ‘impossibile’ ai sensi statutari e normativi, con tutte le conseguenze in termini di successiva conflittualita’ endo-societaria riverberantesi sulla posizione della socia e del cda impugnanti”. Lo scrive la giudice Elena Riva Crugnola nella sentenza con cui accoglie il ricorso di Tim e Vivendi. Inoltre “non si ravvisa alcuno specifico pregiudizio per la società nel caso di sospensione della delibera la cui mancata vigenza non pare colpire alcuno snodo vitale dell’ente ne’ comportare conseguenze dannose in termini patrimoniali od organizzativi, data’ la gia’ avvenuta convocazione di assemblea per la ravvicinata data del 4 maggio prossimo per il rinnovo dell’intero cda”.