Solidarietà dai Cdr di Gazzetta dello Sport, Corriere della Sera e Periodici Rcs per i due vicedirettori licenziati

Condividi

I comitati di redazione di Gazzetta dello Sport, Corriere della Sera e Periodici Rcs sono intervenuti sulla vicenda di Stefano Cazzetta e Umberto Zapelloni, i due vicedirettori licenziati per ‘esigenze organizzative’ alla vigilia di una riunione tra direzione, azienda e comitato di redazione con all’ordine del giorno la riorganizzazione del lavoro, compresi gli aspetti riguardanti l’integrazione carta web e la verticalizzazione.

“La redazione della Gazzetta dello Sport, avendo appreso con grande disappunto della risoluzione unilaterale del rapporto di lavoro di due colleghi che ricoprivano il ruolo di vicedirettore, manifesta la propria ferma contrarietà di fronte a una decisione totalmente immotivata. Resa operativa, peraltro, con una modalità spiacevole, grave e inaccettabile”, è stato il commento del Cdr della Gazzetta dello Sport, ripreso anche sul sito della Fnsi.

via solferino
via Solferino

“In tanti anni di lavoro in Gazzetta i due colleghi hanno assolto con impegno ai compiti loro affidati, rappresentando il giornale in modo impeccabile e senza mai venir meno alle responsabilità e mansioni che il ruolo comporta. Per questo la redazione offre ai due colleghi la propria piena solidarietà”.

Anche il Cdr del Corriere della Sera ha espresso “piena solidarietà ai colleghi della Gazzetta dello Sport in merito alla risoluzione del rapporto di lavoro di due vicedirettori”, manifestando “forte preoccupazione per le modalità gravi e senza precedenti all’interno del gruppo Rcs”.

“Preoccupato per le modalità gravi e inusitate, mai adottate prima nel Gruppo Rcs, relative al licenziamento dei due vicedirettori”, si è detto anche il Cdr di Rcs Periodici, eprimendo a sua volta “piena solidarietà ai colleghi della Gazzetta dello Sport”.