I giornalisti lavorano troppo per pubblicare sempre di più. Allarme Consiglio d’Europa

Condividi

Allarme per le condizioni di lavoro dei giornalisti nel Vecchio Continente. L’Assemblea parlamentare del Consiglio d’Europa, in due distinti rapporti adottati all’unanimità, chiede agli Stati di adottare misure concrete, oltre che il pieno rispetto di tutti gli standard dell’organizzazione paneuropea sulla libertà di stampa. E suggerisce la ridistribuzione dei profitti pubblicitari generati dai motori di ricerca e social media.

Foto CC0 Creative Commons

Nella sintesi dell’Ansa, il Consiglio d’Europa mette in luce che: le condizioni di lavoro dei giornalisti continuano a deteriorarsi – hanno giornate lavorative sempre più lunghe, pressioni per pubblicare sempre di più e di conseguenza meno tempo per controllare l’esattezza dei fatti ma anche per condurre inchieste su questioni delicate. Aumentano tra i loro ranghi le vittime d’intimidazioni, di attacchi verbali e fisici, che possono arrivare fino al loro omicidio. Inoltre continua a crescere, a ritmi sostenuti, il numero di freelance, che non hanno gli stessi diritti dei giornalisti assunti.

La prima richiesta del Consiglio d’Europa – prosegue l’Ansa – è quella di prendere tutte le misure necessarie a difendere l’incolumità fisica dei giornalisti e condurre indagini efficaci su tutti gli attacchi di cui sono vittime. La seconda è cambiare le leggi sulla diffamazione dove queste prevedano la prigione e multe salate, e non punire quanto pubblicato anche se inaccurato se è dimostrato che il giornalista non lo sapeva, ne ha controllata con diligenza la veridicità e non intendeva causare danni a qualcuno. Inoltre, si chiede di studiare forme alternative di finanziamento per i media tradizionali: una soluzione che l’Assemblea suggerisce è la ridistribuzione dei profitti pubblicitari generati dai motori di ricerca e social media.