I caschi del Motomondiale al Museo della Scienza. Una finestra sulla Motor Valley

I colori del motomondiale a Milano per accendere la passione verso la tecnologia celata sotto le carene dei bolidi a due ruote. Apre i battenti sabato 7 maggio la mostra promossa dal Museo nazionale della scienza e della tecnologia dedicata alle creazioni di Aldo Drudi, per tutti il designer dei caschi di Valentino Rossi e dei più celebri piloti di Motogp e Superbike, ma anche di America’s Cup, Tornado del 311° Gruppo Rsv, Tourist Trophy e molti altri progetti ancora, da quelli con Dainese a Ducati.

Il tema principale della mostra, che il Museo ha allestito in collaborazione con la Gazetta dello Sport, Peraria e Motor Valley dell’Emilia Romagna e che sarà aperta al pubblico fino al prossimo 3 giugno, è l’esclusiva collezione di caschi originali disegnati da Drudi Performance: dal primo per Graziano Rossi, il papà di Valentino, ai caschi per i “pilotini” dell’Academy del “Dottore” e quelli del “Sic”, l’indimenticato Marco Simoncelli, la cui moto vincitrice del Campionato del Mondo 2008 è stata concessa dal papà per essere esposta insieme alle MotoGp della stagione in corso (ci sono quasi tutte le moto in griglia). Ma anche all’e-bike Thok e al Cross Over Boat Anvera 55.

Alla presentazione della mostra, intitolata proprio ‘I Colori del motomondiale’, sono intervenuti: Fiorenzo Galli, direttore generale del Museo; Aldo Drudi, designer e fondatore di Drudi Performance; Liviana Zanetti, presidente Apt Servizi dell’Emilia Romagna; Roberta Guaineri, assessore allo sport del Comune di Milano; Vito Schembari, caporedattore motori della Gazzetta dello Sport. A moderare Sergio Sgrilli, già noto al grande pubblico di Zelig, nonché attivo promotore del Buon compleanno Sic, l’evento con cui la famiglia ricorda ogni anno il figlio scomparso nel 2011.

“Una mostra che rappresenta l’Italia intera, non solo quella delle due ruote, allestita nella città del fare, dell’arte e del design”, commenta Guaineri, “trovo che sia affascinante anche per il grande pubblico che non possiede specifiche competenze tecniche e di motori”. “Il Museo dimostra di voler essere al passo con il mondo che cambia”, aggiunge Galli, “celebrando attraverso un esempio della creatività italiana l’uomo che in ogni tempo accetta e ama le sfide, come fanno i piloti del motomondiale”.

La mostra offre anche un significativo spaccato della Motor Valley italiana. Perché, come ha spiegato Liviana Zanetti, presidente Apt Servizi dell’Emilia Romagna: “lungo la via Emliia sono nate le più importanti case di motori, ci sono nove musei, aziende note tanto ai cittadini del territorio quanto ai turisti e 188 club motoristici”. Un’ampia fetta di Made in Italy che per un mese trova a Milano una vetrina sul mondo, contribuendo peraltro ad allargare la già fitta trama di relazioni del Museo nazionale della scienza e della tecnologia. E lo fa attraverso un tema pop come quello del motomondiale, pennellato dai colori di Drudi, di particolare appeal per il pubblico giovane. Presenti nella mostra anche gli scatti di Gigi Soldano, Alex Farinelli, Tino Martino e Mirco Lazzari, che per Nikon documentano il Motomondiale.

Durante il periodo della mostra il pubblico potrà accedere anche al deposito con l’esclusiva collezione di moto storiche (nelle giornate di domenica 6 maggio, 27 maggio e 3 giugno, previa prenotazione): Guzzi, Mv Agusta e tutti quei modelli che hanno segnato la storia del motociclismo, sportivo e non solo. A conferma di come quello dei motori e dell’ingegneria applicata al trasporto sia un tema caro al Museo, in continua evoluzione verso nuovi progetti. Anche in questo ambito.

Raccontando come nascono i suoi caschi, Drudi ha voluto ricordare, oltra alla speciale relazione con la famiglia Rossi e con il Sic anche quella con il Dottor Costa (“è il nostro guru”) che un tempo gli diede un importante consiglio: “per essere sicuri i tuoi caschi e le tue tutte devono essere innanzitutto comodi”.

Aldo Drudi

L’esposizione è inclusa nel biglietto d’ingresso al Museo. Tutte le informazioni sul sito internet.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

eSports: per la prima volta anche un team italiano alla Call of Duty World League negli Usa

SuperTennis e Sport Network: partnership rinnovata per la raccolta pubblicitaria del canale tv

Partnership tra Discovery e European Tour: in arrivo live su GolfTv le edizioni 2020 e 2022 della Ryder Cup