Lettera di diffida dalla Lega di A per MediaPro: rispetti gli impegni

Si è conclusa  con la scelta di inviare una lettera di diffida a MediaPro l’assemblea della Lega di Serie A che si è svolta ieri a Roma. In attesa di conoscere la decisione del Tribunale di Milano sulla sospensione del bando sui diritti tv 2018-2021, prevista per domani mattina, i club nella missiva hanno chiesto alla società di spagnola di rispettare entro 15 giorni l’impegno assunto ad onorare la fidejussione per oltre un miliardo di euro.

Stando quanto segnala Ansa, quattro club avrebbero spinto per adottare una linea dura perchè, dopo le due settimane di attesa, si procedesse alla rescissione automatica del contratto con Mediapro. Ma alla fine si è deciso di dare fiducia alla società spagnola, optando per la convocazione di una nuova assemblea, e l’invio cautelare della diffida. Decisione che, segnala oggi il ‘Corriere della Sera’, potrebbe essere nata anche da una lettera inviata dalla stessa MediaPro con le sue argomentazioni.

Foto Ansa

“La posizione della Lega A è che c’è un intermediario e il contratto prevede una serie di adempimenti. E’ importante che vengano eseguiti da Mediapro”,  ha sostenuto il vice commissario Paolo Nicoletti.  “E’ di buonsenso aspettare queste due settimane anche se potrebbero non essere necessarie in quanto, se Mediapro consegnerà la fideiussione, non c’è neanche bisogno di aspettare tutto questo tempo”, ha commentato invece Giovanni Malagò, commissario straordinario di Lega.

Intanto, segnala ancora Ansa, una nuova assemblea della Lega di Serie A è stata convocata per martedì 15 maggio nella sede di Milano. Tra gli argomenti della riunione i diritti tv e il rinnovo della governance. Questi i punti all’ordine del giorno spicca ancora la questione della licenza dei diritti audiovisivi per le dirette a pagamento della Serie A 2018-2021, ma anche l’elezione dell’Amministratore Delegato e degli altri componenti della nuova governance.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Rai: Laganà, Usigrai, Fnsi e Odg preoccupati per le parole di Di Maio: a rischio posti di lavoro; volontà di colpire il pluralismo

Open presenta la squadra di redattori: fotoreporter, videomaker, esperti di contenuti verticali e di esteri

Rai, arriva l’infornata di vice direttori dei tg. Presentati anche i piani editoriali