Sorrell sorprende sempre: “Non farò il pensionato, sono pronto a ripartire”

Condividi

A botta calda Martin Sorrell si era mostrato buono e quasi sentimentale. Ammansito dall’inchiesta interna che l’aveva convinto a dimettersi dai vertici di Wpp.  Fatto fuori repentinamente meno di un mese fa dal colosso mondiale della comunicazione che aveva inventato e portato al successo in oltre 32 anni di carriera, Sorrell si era offerto di affiancare i nuovi manager al vertice e, addirittura, il suo eventuale successore come ceo di Wpp, per favorire la transizione.

Martin Sorrell, ceo di Wpp (Foto Ansa)

Ma a qualche settimana di distanza dal fattaccio e dopo avere meditato su quanto accaduto, non vincolato ad accordi di no compite, Sir Martin è tornato lui. “Non prevedo di entrare in alcuna forma di pensionamento volontario o involontario” ha detto nel corso di un incontro pubblico a New York, intervistato sul palco da David Kirkpatrick, fondatore e CEO di Techonomy. Chiamato ad esprimersi in tema di progetti futuri, Sorrell è stato solo leggermente più preciso. “I am going to start again” ha detto al suo interlocutore, chiarendo però che non avrebbe aggiunto altro sul tema, per il momento.

Sorrel ha parlato, piuttosto, del destino della pubblicità. Essendo stato “estratto” da Wpp, il manager e imprenditore inglese ha rimarcato che pensa “di poter vedere molto più chiaramente dove ci sono le maggiori opportunità di crescita”. Sorrell ha concluso sostenendo che la industry dell’adv sarà capace di “reinventarsi”, in un contesto in cui “la tecnologia, i dati e il contenuto” sono e saranno di fondamentale importanza.