La Provincia Pavese in sciopero contro i tagli ai giornalisti

Il quotidiano ‘La Provincia Pavese’, ex Finegil ora del gruppo Gedi, non è uscita oggi in edicola per il primo di tre giorni di sciopero (due non ancora proclamati). “La decisione è stata assunta dopo la comunicazione del taglio di un ulteriore posto di lavoro in redazione – si legge in una nota dell’assemblea dei giornalisti -.

Nel 2009 i giornalisti dipendenti erano 31, ora sono 25 ed è stato annunciato che non sarà confermato il contratto a termine avviato un anno e mezzo fa per sostituire una collega. Così diventeremo 24. Le proposte del comitato di redazione, avanzate per ridurre i costi a parità d’organico, sono state rifiutate. La Provincia pavese continua a registrare un utile importante, ma come tutta risposta dal 2011 abbiamo avuto sette uscite e nessuna assunzione”.

“Il blocco del turnover – concludono i redattori – ha innalzato l’età media dei giornalisti in organico e impedito l’ingresso di giovani. La redazione contesta il modello produttivo che il gruppo Gedi sta di fatto perseguendo: riduzione dell’organico e affidamento di compiti sempre più importanti ai collaboratori esterni, precari poco pagati”. (ANSA).

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Olimpiadi, Salvini: farò il possibile per portarle in Italia. Appendino: no di Torino perché manca chiarezza su chi finanzia

I sindacati europeo e internazionale dei giornalisti: inaccettabili gli attacchi del governo italiano ai media

Amazon, la Commissione europea indaga sull’utilizzo dei dati ecommerce