La Provincia Pavese in sciopero contro i tagli ai giornalisti

Il quotidiano ‘La Provincia Pavese’, ex Finegil ora del gruppo Gedi, non è uscita oggi in edicola per il primo di tre giorni di sciopero (due non ancora proclamati). “La decisione è stata assunta dopo la comunicazione del taglio di un ulteriore posto di lavoro in redazione – si legge in una nota dell’assemblea dei giornalisti -.

Nel 2009 i giornalisti dipendenti erano 31, ora sono 25 ed è stato annunciato che non sarà confermato il contratto a termine avviato un anno e mezzo fa per sostituire una collega. Così diventeremo 24. Le proposte del comitato di redazione, avanzate per ridurre i costi a parità d’organico, sono state rifiutate. La Provincia pavese continua a registrare un utile importante, ma come tutta risposta dal 2011 abbiamo avuto sette uscite e nessuna assunzione”.

“Il blocco del turnover – concludono i redattori – ha innalzato l’età media dei giornalisti in organico e impedito l’ingresso di giovani. La redazione contesta il modello produttivo che il gruppo Gedi sta di fatto perseguendo: riduzione dell’organico e affidamento di compiti sempre più importanti ai collaboratori esterni, precari poco pagati”. (ANSA).

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

La potente manager cinese Jie Sun (Ctrip) firma accordi con Aeroporti di Roma, Trenitalia e Musei Ferrari

La potente manager cinese Jie Sun (Ctrip) firma accordi con Aeroporti di Roma, Trenitalia e Musei Ferrari

Stati Generali Editoria, Crimi: obiettivo riforma strutturale importante e necessaria per un comparto cruciale

Stati Generali Editoria, Crimi: obiettivo riforma strutturale importante e necessaria per un comparto cruciale

Stati Generali Editoria, Lorusso: al via col piede sbagliato. Affossate proposte per Inpgi e contrasto precariato

Stati Generali Editoria, Lorusso: al via col piede sbagliato. Affossate proposte per Inpgi e contrasto precariato