Tim: Genish, pieno sostegno del nuovo Cda al piano. “Non preoccupa contratto Lega-M5S”

“Durante il primo incontro con il Cda c’e’ stata una dichiarazione chiara del presidente a sostegno del piano e del management”. Lo ha affermato l’ad di Tim Amos Genish nel corso della conference call dopo il cambio del board a seguito dell’assemblea. Il sostegno, ha aggiunto, “c’e’ e sono tranquillo per il futuro e faremo quello che c’e’ da fare”. Genish ha aggiunto che c’e’ stato con il board “un confronto sulla strategia. E’ stato un ottimo inizio – ha detto – continueremo in questo modo e sono ottimista per il futuro”.

Amos Genish (Ansa)

Amos Genish (Ansa)

Nel primo trimestre “abbiamo gia’ raggiunto il 27% degli obiettivi del piano di trasformazione”. ha aggiunto l’ad di Tim nella conference call. “Avremo numeri piu’ interessanti mano a mano che ci addentriamo nel secondo semestre e all’inizio del 2019”.

Nella bozza del contratto di governo messo a punto da Lega-M5S “c’e’ una parte che riguarda le infrastrutture, ma non abbiamo visto niente di importante sul settore delle tlc e sulla nostra azienda”. Lo ha dichiarato inoltre Genish. “Non sappiamo – ha aggiunto – quale politica sara’ effettivamente applicata ma e’ anche interesse del futuro governo lasciare che il mercato si evolva nel modo migliore possibile e permettere che vadano avanti gli investimenti delle aziende per far avanzare le infrastrutture e l’Italia. Non sono preoccupato”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Mancano contenuti. Negli Usa si blocca Today In, il servizio di Facebook per le notizie locali

Mancano contenuti. Negli Usa si blocca Today In, il servizio di Facebook per le notizie locali

Responsabili comunicazione Diocesi al summit di Assisi su Internet, comunità online ed elezioni Europee

Responsabili comunicazione Diocesi al summit di Assisi su Internet, comunità online ed elezioni Europee

Tre nuove assunzioni a Open: i candidati saranno scelti tra i 15mila dell’estate scorsa

Tre nuove assunzioni a Open: i candidati saranno scelti tra i 15mila dell’estate scorsa