Unità, sospesa l’asta per la vendita della testata

L’asta per la vendita della testata l’Unità è stata sospesa. Lo ha deciso il giudice Federico Salvati, della III sezione Esecuzioni mobiliari del Tribunale Civile di Roma, che ha emesso l’ordinanza di conversione dell’asta perché l’azienda Unità srl ha versato l’intera somma richiesta dai vari creditori (giornalisti), compresi gli interessi e le spese legali.


“Una grande vittoria per i lavoratori dell’Unità, che, grazie al pignoramento della testata giornalistica portato avanti dagli avvocati Iolanda Giordanelli e Valerie Stella De Caro Giordanelli, del Foro di Cosenza, hanno ottenuto in brevissimo tempo il pagamento degli stipendi loro dovuti” , spiegano i legali. “L’asta per l’acquisto della storica testata, fondata da Antonio Gramsci nel 1924, sarebbe iniziata lunedì mattina, 21 maggio, ma la società proprietaria è riuscita ad evitarla versando in un’unica soluzione le somme richieste dai giornalisti”, conclude l’avvocata Giordanelli.
Per i lavoratori è “un grande risultato”, commentano Maria Zegarelli e Massimo Solani, componenti del Comitato di redazione, sottolineando che “é stato necessario rivolgersi ad un tribunale, arrivando al pignoramento della testata, per veder riconosciuto ai giornalisti il diritto allo stipendio. Un diritto più volte rivendicato senza ottenere mai alcun riscontro da parte dell’azienda proprietaria del quotidiano fondato da Antonio Gramsci”. Per i lavoratori è stato un altro capitolo difficile, ma questa vittoria crea un precedente importante, considerata la crisi dell’editoria e il mancato rispetto dei diritti fondamentali, cosa che avviene sempre più frequentemente.
Larga parte dei giornalisti dell’Unità, infatti, alla fine dello scorso anno ha presentato dei decreti ingiuntivi per avere i due stipendi non pagati prima della chiusura del quotidiano, scomparso dalle edicole il 1 giugno scorso. Da allora l’azienda editrice, il gruppo Pessina all’80%, non ha dato alcuna risposta ai lavoratori, che sono poi ricorsi alle vie legali chiedendo il pignoramento. Dopo mesi di ulteriore silenzio da parte della Unità srl, anche sulle ingiunzioni di pagamento, il giudice ha agito nell’interesse dei creditori. In questi giorni sia al comitato di redazione che allo studio legale si sono palesati alcuni imprenditori interessati all’acquisto della storica testata.

Il comunicato dell’editore Piesse afferma che “il Tribunale di Roma ha disposto la liberazione dal pignoramento della testata giornalistica “l’Unità”, appartenente ad Unità s.r.l., con soddisfazione dei giornalisti del quotidiano che hanno percepito tutto quanto si attendevano. La storica testata non va più all’asta e rimane quindi nella piena titolarità di Unità s.r.l. che sta facendo e farà quanto necessario per mantenerne integro il valore”. In realtà la testa rimane pignorata fino al 31 ottobre, quando è fissata la nuova udienza, e quando i dipendenti incassereanno i soldi che spettano loro. Adesso gli editori Pessina e Stefannelli dovranno far uscire un numero del quotidiano per non far decadere la testata, entro la fine di maggio, essendo cessata la pubblicazione da un anno.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Ivan Zazzaroni è il nuovo direttore di Corriere dello Sport-Stadio

Accordo Medipro-Google per trasmettere su YouTube in diretta le partite del campionato brasiliano

Settimana della legalità, Maria Falcone: dalla Rai fatto molto per contrastare la mafia