Tim, Agcom rinvia analisi preliminare progetto separazione rete

Condividi

Rinviata da parte del Consiglio dell’Agcom, l’analisi preliminare del progetto di separazione legale volontaria della rete di accesso fissa di Tim. Secondo quanto riportano le agenzie, il tema potrebbe essere dibattuto nel prossimo Consiglio già in programma per il 6 giugno. A slittare, oggi, anche l’esame del Piano Nazionale di assegnazione delle frequenze per il servizio televisivo digitale terrestre che figurava all’ordine del giorno del Consiglio.

Amos Genish (Ansa)
Amos Genish (Ansa)

Il progetto di separazione volontaria della rete fissa d’accesso era stato notificato da Tim all’Agcom lo scorso 27 marzo, dopo il via libera del cda del 6 marzo. La notifica all’Autorità da parte del gruppo telefonico, ricorda Adnkronos, è il primo passo dell’iter formale ai sensi dell’art. 50 ter del Codice delle Comunicazioni Elettroniche.

Intanto è scontro sulla cassa integrazione. I sindacati, in una nota, hanno definito “deludente” l’incontro con l’azienda presso il ministero del Lavoro, chiedendo che non venga affrontato solo il tema della cassa integrazione.

Come espresso in un comunicato congiunto, le segreterie nazionali di Slc Cgil – Fistel Cisl – Uilcom Uil credono che alcuni temi siano “imprescindibili per un confronto proficuo”, per esempio la “chiarezza sul vero oggetto della procedura, il ricorso ad ammortizzatori sociali o 4500 licenziamenti tra 12 mesi, sulla tenuta del perimetro e della base occupazionale del gruppo, la necessità di ripristinare condizioni economicamente sostenibili per l’insieme delle attività affidate in appalto che evitino contraccolpi occupazionali, la ricomposizione di un quadro relazionale tra le parti ad oggi fortemente compromesso dal permanere del vulnus costituito dalla disdetta del secondo livello di contrattazione unilateralmente sostituito da un regolamento aziendale”.

Per l’azienda invece, riportano i sindacati, “il confronto deve avere ad oggetto il tema Cigs e non altri temi che possano eventualmente essere affrontati successivamente”.