Publicis vara la piattaforma Marcel. Il ceo Sadoun: rompiamo le barriere tra talento e opportunità

Condividi

Un grande evento a Parigi ha dato il là alla presentazione mondiale di ‘Marcel’. Prende il nome del fondatore del gruppo Publicis, Marcel Bleustein-Blanchet, l’innovazione basata sull’intelligenza artificiale realizzata da Microsoft tesa ad accelerare il processo di cambiamento.

Arthur Sadoun, ceo Publicis Group (Foto Ansa/EPA/ETIENNE LAURENT)

Il ceo e chairman, Arthur Sadoun, aggiunge quindi un altro elemento portante alla strategia volta a cambiare drasticamente il vissuto e l’essenza della multinazionale transalpina della pubblicità e della comunicazione, “da holding company a vera e propria piattaforma”.

Marcel rende possibile la connessione tra i saperi, le informazioni, le esperienze e i dati delle 80 mila persone che lavorano per il gruppo ad ogni latitudine. E incrocia la strategia battezzata come ‘The Power of One’, con cui Publicis cancella i silos che separano, creatività, dati e tecnologia.

Secondo Sadoun, attraverso Marcel, si compie un altro passaggio chiave, si rompono cioè, “le barriere tra talento e opportunità” e si offre alle menti creative “la libertà di crescere e progredire all’interno di questo settore in costante evoluzione”.

Per Sadoun “i nostri dipendenti sono al primo posto nel nostro processo di trasformazione e daremo loro l’opportunità di imparare, condividere e creare più che altrove”.

Ma oltre che ottimizzare i processi interni, Sadoun vuole garantire benefici anche ai clienti. “Essi potranno trarre vantaggio dalla diversità dei nostri talenti per dare vita alle idee di cui hanno bisogno per far crescere il loro business”, ha commentato il manager.

Dopo un processo di test e d’implementazione progressiva, Publicis Groupe inizierà il rollout di Marcel a tutti i suoi 80mila dipendenti nel mese di gennaio 2019.

Emanuele Saffirio, presidente di Publicis Groupe Italia, ha dichiarato: “Marcel è un’enorme opportunità per Publicis Groupe. Ci posiziona come un partner innovativo, dandoci la possibilità di essere competitivi sul mercato, mettendo a disposizione idee e innovazione provenienti da una connessione costante all’interno dell’intero network tra dati, creatività e tecnologia. Una piattaforma di scambio che dá a tutti noi l’opportunità di crescere e di far crescere il mercato.”