Inpgi: crisi editoria non si risolve con spending review. In un anno persi 100 milioni e 900 giornalisti

Condividi

“La crisi ormai strutturale del settore dell’editoria in Italia si vede in maniera evidente nei conti dell’Inpgi che ha chiuso il 2017 per la prima volta nella sua storia con una perdita di 100 milioni”. Così la presidente dell’Inpgi, Marina Macelloni in occasione del primo Forum sull’informazione in Trentino Alto Adige organizzato dal Sindacato dei giornalisti del Trentino Alto Adige in collaborazione con l’Odg regionale.

Marina Macelloni, presidente Inpgi (Foto: Primaonline.it)

La presidente dell’ente di previdenza professionale ha ricordato come “solo lo scorso anno abbiamo perso circa 900 rapporti di lavoro attivi, 3mila negli ultimi cinque anni. Non è una crisi che si risolve facendo spending review, occorre riconoscere che questo settore industriale è stato travolto da una digitalizzazione selvaggia che non è stata governata e regolata”.

“Se non vogliamo che in questo paese il giornalismo e l’informazione di qualità spariscano o vengano regalati agli algoritmi dobbiamo reagire rapidamente e chiedere, a voce alta, alle istituzioni che si facciano carico, insieme a tutti gli attori del sistema, della salvaguardia di un settore strategico per la tenuto democratica del paese”, ha concluso Macelloni.

L’iniziativa, riferisce il sito di news dell’Inpgi, si è svolta lo scorso 22 maggio a Trento ed è stata una occasione di confronto aperto sui temi dell’informazione locale e nazionale, nonchè momento di riflessione sulle dinamiche in corso nell’editoria, con particolare attenzione nei confronti delle ristrutturazioni avviate in alcune aziende, con particolare attenzione alla dimensione regionale.

All’incontro, moderato dal segretario del sindacato regionale Rocco Cerone, sono intervenuti anche il presidente del Consiglio nazionale dell’Ordine dei giornalisti, Carlo Verna; il segretario della Fnsi Raffaele Lorusso, la Presidente dell’INPGI, Marina Macelloni e i direttori delle testate locali Pierangelo Givanetti (l’Adige), Alberto Faustini (Trentino e Alto Adige), il caporedattore della Rai del Trentino Massimo Mazzalai ed il direttore dimissionario Enrico Franco (Corriere del Trentino e Corriere dell’Alto Adige).

Il secondo Forum con gli altri protagonisti dell’informazione regionale (emittenza locale, periodica, siti web) si svolgera’ a settembre 2018 al Circolo della Stampa di Bolzano.