Diritti tv, Miccichè: da Mediapro ancora nessuna fideiussione. Pubblicato sul sito della Lega di A pubblica l’invito a trattative private

Condividi

“No, ancora non è arrivato nulla”. Ad affermarlo il presidente della Lega Serie A, Gaetano Miccichè, confermando che da Mediapro non è stata ancora versato la fideiussione da 1,2 mld euro per i diritti tv del prossimo triennioper cui hanno tempo fino al 5 giugno, dopo la delibera votata il 28 maggio dai club sulla risoluzione del contratto, efficace dopo sette giorni dalla relativa comunicazione.

Contattato dall’agenzia DowJones, Miccichè ha anche aggiunto che il prossimo martedì, in occasione dell’assemblea in Via Rosellini, “emetteremo il nuovo bando per avviare la trattativa privata. L’obiettivo é procedere in pochissimi giorni all’assegnazione, spero con la soddisfazione economica che ci aspettiamo”, ha concluso.

Gaetano Miccichè con Giovanni Malagò (Foto Ansa/DANIE DAL ZENNARO)

Intanto però da ieri sera  sul sito della Lega di A è stato pubblicato l’invito a presentare manifestazioni di interesse per Operatori della comunicazione e intermediari indipendenti per partecipare alle trattative private per l’acquisto dei diritti tv della Serie A.

“Considerate le esigenze di oggettiva urgenza”, spiega la premessa, “nel frattempo la Lega Calcio Serie A intende anticipare sin da ora ai soggetti interessati le condizioni normative della Trattativa Privata che potrà avere eventualmente inizio solo a partire dal 5 giugno”, quando verranno appunto pubblicati gli schemi di offerta dei pacchetti, per piattaforma, mista o per prodotto.

Le manifestazioni di interesse potranno essere presentate fino al 7 giugno, mentre l’iter per l’assegnazione dei diritti si dovrebbe concludere il 13.