Il Mattino: motivi economici e organizzativi dietro l’uscita di Barbano

“È stato un direttore che ha detto qualche no”. Qualche giorno dopo il licenziamento di Alessandro Barbano dalla direzione del quotidiano napoletano ‘Il Mattino’, nella storica sede di Via Chiatamone, non è migliorato l’umore di giornalisti e dipendenti né è cresciuta la voglia di parlare.
“La riunione di commiato è stata molto toccante – spiega un redattore –: abbiamo visto Barbano a un passo dalle lacrime”. Quaranta minuti per salutare la squadra che lo ha accompagnato in questi sei anni e per lasciare la parola al suo successore, Federico Monga.

Alessandro Barbano (Foto ANSA/GIUSEPPE LAMI)

Si dice che abbia pagato il bilancio in passivo del 2017 e il calo delle vendite in edicola che lo accomuna a tutti i quotidiani italiani, ma il vero motivo dello scontro con l’editore sta nell’ostinazione con cui Barbano ha continuato a mantenere la titolarità esclusiva della linea editoriale del giornale “senza cedere alle pagine preconfezionate di politica nazionale che arrivavano, ogni sera, dal Messaggero”, la corazzata romana del gruppo Caltagirone, dopo il varo della riforma grafica che presuppone l’avvio di un maggior rapporto sinergico tra le testate del gruppo. “Ha voluto mantenere un’autonomia e una indipendenza che spesso si tramutavano in un surplus di lavoro per la redazione, ma che rendevano uniforme, dal punto di vista dei contenuti, il prodotto-giornale”.

Una eccessiva indipendenza mostrata anche con la scelta di mantenere, nonostante i costi, firme da prima pagina e collaborazioni ritenute strategiche. Tre collaboratori che dopo il pensionamento hanno continuato a coprire i settori di appartenenza con costi non da poco. Una scelta che non è piaciuta alla proprietà, evidentemente”.

Appena poche settimane fa, Barbano aveva presentato al Teatro San Carlo il suo ultimo libro ‘Troppi Diritti’ (Mondadori), che lo aveva portato a calcare i talk-show più importanti della tv pubblica e di quella commerciale. Una originale visione delle cose italiane e della crisi di identità dovuta alla pretesa di voler anteporre ai doveri la falsa e dannosa libertà di diritti parassitari.

Barbano aveva cambiato, per la prima volta dai tempi di Pasquale Nonno, anche l’atteggiamento del quotidiano fondato da Matilde Serao ed Edoardo Scarfoglio nei confronti della magistratura cittadina, imponendo alle pagine di cronaca giudiziaria una decisa sterzata – come aveva raccontato in una intervista pubblicata da Prima Comunicazione nell’agosto scorso – verso un racconto meno appassionato alla versione della pubblica accusa e più attento al debordante potere delle toghe inquirenti.

E a proposito di Matilde Serao ‘Il Mattino’ la sera del 28 maggio aveva organizzato la seconda edizione del premio letterario dedicato alla grande scrittrice e fondatrice del quotidiano. Una serata di gala e spettacolo al Teatro San Carlo di Napoli occasione, anche per presentare la nuova veste grafica del giornale.

Tra qualche settimana, segno che per ‘Il Mattino’ inizia veramente una nuova epoca, ci sarà il trasloco dal palazzone fronte mare (da cui saranno ricavati bilocali di lusso, il permesso a costruire è già pronto) nella centralissima via Chiatamone 65 a Torre Francesco al Centro Direzionale.

Di seguito il testo dell’editoriale di saluto di Alessandro Barbano, pubblicato il 2 giugno
Cari lettori, quello che mi accingo a scrivere è il mio ultimo articolo da direttore del Mattino. Il mio rapporto con questo giornale, che ho molto amato, e sempre molto amerò, si interrompe per decisione dell’Editore. A cui va in ogni caso il mio ringraziamento sincero per la fiducia accordatami per quasi sei anni.

Durante questo periodo la crisi del Paese è andata sempre più coincidendo con la crisi del suo racconto. E cioè con l’imporsi di una retorica che ha svuotato di senso le parole su cui si fonda il patto civile tra rappresentati e rappresentanti, tra cittadini e istituzioni. Con l’effetto di indebolire la delega del sapere e del potere, annullare la valenza simbolica dell’autorità, azzerare le forme della democrazia, instaurando nel discorso pubblico un analfabetismo che ci fa vedere l’Italia peggiore di quanto sia nella realtà. Così sfuma ogni differenza tra le élite e la casta, tra il compromesso e l’inciucio, tra le prerogative quirinalizie e i veti eterodiretti. Allo stesso modo è possibile dichiarare l’impeachment del capo dello Stato e il giorno dopo recarsi al Colle per un colloquio privato, senza che ciò abbia alcuna conseguenza apparente sulla qualità delle relazioni istituzionali. Ciò vuol dire che più le parole sono forti, meno valgono.

A una babele di parole irrilevanti è ridotta la politica. La tattica detta i tempi e occupa gli spazi di una dialettica pubblica caduta in un’impasse permanente, senza esiti né direzione. La tattica ci consegna dopo tre mesi di trattative un governo che lega in un contratto due radicalismi, ma ci consegna anche l’urgenza di una pedagogia civile capace di rieducare la società. È in questo momento che si sente la mancanza di un pensiero moderato, in grado di persuadere i cittadini, con la stessa efficacia del populismo, che la democrazia non è solo utile e necessaria, ma è anche bella, con tutte le sue imperfezioni.

Con una tenacia pari al prestigio della sua storia, il Mattino ha perseguito questo obiettivo. Tanto più la grammatica civile si semplificava e perdeva le sue congiunzioni, tanto più il giornale ha fatto esercizio di traduzione della complessità. Poiché nessuna conoscenza che si rispetti è riducibile a bianco o nero, ma rivela la sua profondità nelle sfumature di grigio che è in grado di rendere visibili. Che si parlasse dell’eclissi del Mezzogiorno nell’agenda dei governi, o piuttosto della sua narrazione per stereotipi nella fiction e nel romanzo, dello scolorire dell’Europa nella coscienza delle opinioni pubbliche o piuttosto dell’impatto delle migrazioni sulle società, dell’efficacia della lotta alla corruzione o piuttosto delle garanzie dei cittadini di fronte alla pervasività della giustizia, dell’espansione dei diritti civili o piuttosto dei limiti alle possibilità della tecnica, questo giornale ha cercato una sintesi tra tutte le ragioni in campo.

Ma la sintesi non è mai stata comoda terzietà, quanto piuttosto approdo convinto di una dialettica aperta e senza pregiudizi, capace anche di prendere e difendere posizioni forti e in controtendenza. Il Mattino in questi anni lo ha fatto coltivando il metodo del dubbio e del confronto che si accendeva ogni mattina in una redazione meravigliosa, e si spegneva solo a notte, quando anche l’ultima edizione era chiusa, per ravvivarsi poche ore dopo. Con la convinzione che anche il dissenso, soprattutto il dissenso, è un’energia del miglior giornalismo.

Devo molto a questi colleghi col tempo divenuti amici, con cui ho condiviso momenti di straordinaria intensità. Separarmi da loro, nessuno escluso, mi costa. Ma è la dura legge del direttore, la cui avventura professionale è solo un segmento della vita di un grande giornale, quasi a ricordare, anche a lui, che un grande giornale non appartiene a nessuno, è patrimonio di una intera comunità e passa tra le generazioni. E va perciò protetto come un bene prezioso. Devo altresì un grazie sincero a una pattuglia di editorialisti di grande qualità, provenienti dai più diversi contesti culturali e geografici del Paese, cresciuti in questi anni attorno al Mattino nella libertà che si deve riconoscere a un pensiero originale.

Mi conforta lasciare un giornale rinnovato da pochi giorni nella sua veste grafica, e dopo aver ricordato con un premio letterario, a lei intitolato, la fondatrice Matilde Serao, una giornalista di razza che non piegò la schiena ai sovranismi montanti del primo Novecento, e anche per questo perse il Nobel. Mi sono ispirato, i lettori giudicheranno se e quanto ci sia riuscito, al suo esempio morale, alla sua capacità di raccontare Napoli e il Mezzogiorno con distacco e senza fare sconti, ma con rispetto e amore per il suo popolo.

Ho amato anch’io Napoli dal primo giorno, e dopo sei anni la sento dentro di me come una linfa vitale. Suggerisco al mio successore, Federico Monga, di fare altrettanto. È bravissimo e perbene, ha tutte le qualità per vincere la sfida che da oggi ha davanti a sé. Gli auguro di avere coraggio.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Malagò (Coni): il dpcm? Ci ha lasciati molto male; coinvolta la maggior parte degli sport

Malagò (Coni): il dpcm? Ci ha lasciati molto male; coinvolta la maggior parte degli sport

SportLab, il 29 ottobre un convegno online sul futuro dell’industria dello sport per festeggiare i 75 anni di Stadio e Tuttosport

SportLab, il 29 ottobre un convegno online sul futuro dell’industria dello sport per festeggiare i 75 anni di Stadio e Tuttosport

Audiweb Week, dati dal 12 al 20 ottobre. La ripresa dell’epidemia spinge il traffico dei siti di news

Audiweb Week, dati dal 12 al 20 ottobre. La ripresa dell’epidemia spinge il traffico dei siti di news