Google rischia una multa record dall’Ue per abuso di posizione dominante

Secondo il Financial Times, l’Unione europea prepara una multa a Google per abuso di posizione dominante. Ad annunciarla sarà Margrethe Vestager, la commissaria Ue per la Competizione, per un importo che potrebbe raggiungere gli 11 miliardi di dollari, pari a circa il 10% del suo business. Ad essere finito nel mirino Android, il sistema operativo presente su oltre l’80% degli smartphone sul mercato globale.

Sundar Pichai (Foto Ansa(Epa/Rajat Gupta)

La Ue aveva annunciato il caso antitrust nel 2016 accusando Alphabet – la controllante di Google – di imporre condizioni di licenza per Android che favorivano i prodotti e le app di Google su quelli dei rivali. Il colosso tech respinse le accuse.

La Commissione Ue ha già imposto a Google, nel giugno 2017, una multa record da 2,42 miliardi di euro, la più alta mai comminata dalla Ue, sempre per abuso di posizione dominante ma nel campo dei motori di ricerca a vantaggio del servizio di shopping online. Non sono passati che pochi mesi e a settembre sono arrivate le modifiche di Google Shopping per evitare la multa.

La terza inchiesta in corso è quella per capire se l’azienda abbia ingiustamente impedito a rivali di accedere a siti che utilizzavano la sua barra di ricerca.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Editoria, Crimi: obiettivo riforma di “grande respiro”. Conte: verso un sistema più “efficiente e rigoroso”

Editoria, Crimi: obiettivo riforma di “grande respiro”. Conte: verso un sistema più “efficiente e rigoroso”

Copyright, appello dal vicepresidente Ue Ansip: sostegno alla riforma. Testo diverso da quello di luglio: non è macchina da censura

Copyright, appello dal vicepresidente Ue Ansip: sostegno alla riforma. Testo diverso da quello di luglio: non è macchina da censura

Rai: all’esame del Cda la riorganizzazione della Corporate e la nuova direzione generale

Rai: all’esame del Cda la riorganizzazione della Corporate e la nuova direzione generale