B Heroes alla puntata finale. Lastminute e Intesa Sanpaolo al lavoro sulla prossima edizione

Condividi

E’ andata in onda ieri sera sul canale Nove di Discovery Italia la puntata finale di B Heroes, il progetto dedicato alle startup italiane più innovative realizzato da Fabio Cannavale, ceo di lastminute.com Group, in collaborazione con Intesa Sanpaolo.

Alla fine l’investimento di 800 mila messo a disposizione da Boost Heroes e Intesa Sanpaolo Innovation Center è stato assegnato a Wash Out, la app che lava le auto in strada la start up. Al termine del percorso di accelerazione durato 4 mesi Wash Out è stata infatti giudicata la migliore tra le 12 start up selezionate tra le centinaia che si sono candidate all’inizio delle selezioni.

Stefano Barrese e Fabio Cannavale

Nel corso della puntata è stato attribuito anche il premio International ScaleUp assegnato dall’Innovation Center di Intesa Sanpaolo alle due partecipanti di B Heroes che hanno dimostrato le migliori potenzialità per scalare il proprio business sui mercati internazionali: Wash Out e Bluebrake, la startup Fondata da Fabio Todeschini, che ha realizzato l’Abs per le bici elettriche.

Al termine del percorso, le scaleup saranno accompagnate ad incontrare investitori e aziende nei principali Hub internazionali di Intesa Sanpaolo (Londra, New York, Hong Kong, Dubai).

Nel corso di tutto il progetto sono stati 130 gli imprenditori intervenuti in qualità di mentor o come selezionatori al programma. L’interesse suscitato dal programma intorno alle startup ha generato investimenti per complessivi 18 milioni di euro nei primi 5 mesi dell’anno.

“In questi mesi abbiamo condiviso, sviluppato, accelerato i progetti delle startup anche ampliando l’iniziale disponibilità finanziaria e assegnando loro i premi Fintech e Scale UP del nostro Innovation Center”, afferma Stefano Barrese responsabile Divisione Banca dei Territori di Intesa Sanpaolo. “Con B Heroes e con altri progetti per il mondo delle imprese, il gruppo Intesa Sanpaolo sta proponendo un nuovo modo di fare banca adottando soluzioni non solo bancarie o finanziarie, oltre alla tradizionale erogazione del credito, per partecipare direttamente allo scouting e al rilancio di nuove idee imprenditoriali, in particolare delle imprese giovani e dell’innovazione”.

“Siamo molto soddisfatti di come B Heroes sia riuscito a coinvolgere imprenditori di generazioni diverse, creando un importante scambio di esperienze e dando una spinta fondamentale alla cultura dell’imprenditoria e dell’innovazione in Italia”, dice Fabio Cannavale, aggiungendo: “ Stiamo già lavorando alla prossima edizione che ci darà l’opportunità di coinvolgere sempre più soggetti sensibili ai temi dell’innovazione in Italia”.

Le prime cinque puntate di B Heroes in onda su canale Nove hanno registrato uno share dell’1,2% (1,7% di laureati e 1,9% della classe socio economica più elevata).

B Heroes è sostenuto da ulteriori partner tra le migliori aziende legate al business innovativo: Amazon Web Service, BIP – Business Integration Partners, BonelliErede, Contactlab, Endevor Italia, Facebook, Google, House264, Mamacrowd, Microsoft, Simbiosity, Sketchin, Seri Jakala, Vidiemme, che hanno messo a disposizione delle startup selezionate pacchetti di servizi per sviluppare sia il business che le proprie competenze.

Il programma di accelerazione è realizzato in collaborazione con Cariplo Factory, l’hub di open innovation, CSR e talent management creato da Fondazione Cariplo con l’obiettivo di supportare la crescita delle imprese innovative più promettenti.

La presentazione dei finalisti di B Heroes