Gazzetta del Mezzogiorno chiude tre redazioni. Proclamato stato di agitazione

La Gazzetta del Mezzogiorno chiude le redazioni di Barletta e Brindisi in Puglia e di Matera in Basilicata. Una “decisione incomprensibile e miope”, commentano la Fnsi e le Assostampa regionali, “soprattutto perché in controtendenza rispetto a tutti gli indicatori di mercato che segnalano nell’informazione locale, fortemente radicata sul territorio, il futuro della carta stampata”.

“Pur nella consapevolezza del momento drammatico che l’intera editoria italiana sta vivendo, non si riesce a comprendere come una politica orientata esclusivamente ai tagli e al contenimento della spesa possa rivelarsi vincente”, spiega in una nota l’assemblea dei redattori proclamando lo stato di agitazione in segno di protesta. “I giornalisti della Gazzetta si considerano una risorsa per una testata che ha contribuito a costruire oltre che a raccontare la storia del Mezzogiorno e alla quale sono orgogliosi di appartenere”.

La Fnsi e le Associazioni regionali di stampa di Puglia e Basilicata hanno espresso solidarietà ai colleghi: “nonostante l’azienda abbia assicurato il mantenimento delle edizioni e degli organici redazionali – spiegano – la decisione appare comunque incomprensibile e miope, soprattutto perché in controtendenza rispetto a tutti gli indicatori di mercato che segnalano nell’informazione locale, fortemente radicata sul territorio, il futuro della carta stampata. Rinunciare ai presidi territoriali in tre importanti province è altresì preoccupante perché nasconde la volontà di puntare su un modello di organizzazione inaccettabile perché basato sull’uso incontrollato e indiscriminato di giornalisti precari, cui sarebbero affidati settori strategici delle cronache locali”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Copyright, Carotti (Fieg): cooperare con le grandi piattaforme. Per l’industria di qualità servono risorse

Tennis, Next Gen Atp torna a Milano. Binaghi (Fit): le Atp Finals a Torino un sogno realizzabile

Facebook sceglie l’ex vice premier inglese Clegg per guidare affari globali e comunicazione