Diritti tv, componenti Cda Rai al lavoro su ricorso d’urgenza

Alcuni componenti del cda Rai stanno valutando se presentare un ricorso d’urgenza sulla base dell’ex articolo 700 cdc contro l’ultimo bando dei diritti Tv della Lega calcio di Serie A. A riferirlo Giancarlo Mazzuca all’Adnkronos.

Gaetano Miccichè (Foto ANSA/DANIE DAL ZENNARO)

“Ci stiamo interessando alla questione. Domani c’è un Consiglio di amministrazione e ne parleremo, spero. Mi sembra un controsenso in questo momento essere considerati di Serie B. Tutti siamo cresciuti con 90esimo minuto, pensare che questa grande bandiera Rai debba essere ammainata è molto grave”, ha spiegato Giancarlo Mazzuca all’Adnkronos, membro del Cda della Rai che insieme ad altri componenti sta lavorando sulla possibilità di presentare un ricorso d’urgenza.

“Non credo partirà domani, sentiremo cosa ci dirà il direttore generale e poi vedremo quale è il dibattito che ne verrà fuori”, ha aggiunto.

A rischio per la Rai la storica trasmissione 90esimo minuto, visto che non si potranno far vedere le azioni e i gol (tranne nei tg) prima delle 22 della domenica. “Un danno verso i contribuenti senza precedenti, togliendo di fatto la libertà a chi è tifoso e non può permetterselo”, ha sottolineato il consigliere di amministrazione.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Morto il vignettista Vincino. Vauro lo saluta così

Tar del Lazio respinge ricorsi contro contributo di solidarietà. Inpgi: conferma che strada intrapresa è corretta

Con 800 milioni di internauti la Cina è la più grande comunità online. L’ecommerce 2018 vale già 600 miliardi