Crimi, prime parole da sottosegretario con delega editoria: ragioniamo su fondi pubblici ai giornali

“Sapete che è sempre stato uno dei nostri cavalli di battaglia quello della revisione del finanziamento pubblico ai giornali: su quello ovviamente punteremo. Non è nel contratto nel governo, però, è sempre stato uno dei punti di partenza, ci ragioneremo adesso”. Lo annuncia il pentastellato Vito Crimi lasciando a piedi palazzo Chigi dopo aver giurato come sottosegretario con delega all’Editoria.

Crimi assicura che dialogherà con tutti: “ci confronteremo con voi della stampa e con tutti gli operatori del settore. Il mio – precisa – è un incarico istituzionale, è come tale cercheremo di capire effettivamente come stanno le cose e i temi da affrontare”.

Vito Crimi (Foto
ANSA/GIUSEPPE LAMI)

Ecco tutti i nomi del governo giallo-verde.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Fox Sports chiude in Italia. Sky non rinnova il contratto, il 30 giugno addio al canale

La Fnsi incontra Crimi: anche l’editoria ha i suoi rider. È ora di fare qualcosa

Fari puntati sulla riforma Ue del diritto d’autore che potrebbe rivoluzionare il web