Il Fatto verso la Borsa, nominati gli advisor. Ipo per “sviluppare business innovativi e data driven”

La società Editoriale Il Fatto Spa, editrice tra l’altro del quotidiano cartaceo diretto da Travaglio e del quotidiano online guidato da Gomez, annuncia di avere avviato le attività propedeutiche alla quotazione su Aim Italia, il mercato di Borsa Italiana dedicato alle piccole e medie imprese.

Cinzia Monteverdi (foto da uff. stampa Editrice Il Fatto)

 

Cinzia Monteverdi, Presidente e AD della società, ha dichiarato: “Negli ultimi anni la Editoriale Il Fatto ha intrapreso un percorso di diversificazione del proprio portafoglio prodotti, con l’obiettivo di diventare una media company a 360 gradi. Si apre ora per noi una fase molto significativa, che ci porterà a raccogliere risorse per sviluppare ulteriormente le business unit più innovative come LOFT, la nostra piattaforma di contenuti per la TV, e ad adottare un approccio sempre più “data driven”, grazie alla collaborazione con le piattaforme pubblicitarie più sofisticate”.

Nel processo di ammissione alla quotazione Editoriale Il Fatto è affiancata da Advance SIM come Nomad e Global Coordinator, Emintad in qualità di financial advisor, e Fidentiis come Co-Bookrunner.

Nctm agisce in qualità di legal advisor, Kpmg come società di revisione e Studio Gnudi come advisor fiscale. Close to Media è consulente per la comunicazione.

I principali azionisti della media company indipendente sono Cinzia Monteverdi e Antonio Padellaro, entrambi con il 16,26%. Chiare Lettere e Edima detengono ciascuno l’11,34% del capitale della società, seguiti da Francesco Aliberti con il 7,35%. Editoriale Il Fatto detiene azioni proprie pari al 25,67% del capitale sociale.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Fox Sports chiude in Italia. Sky non rinnova il contratto, il 30 giugno addio al canale

La Fnsi incontra Crimi: anche l’editoria ha i suoi rider. È ora di fare qualcosa

Fari puntati sulla riforma Ue del diritto d’autore che potrebbe rivoluzionare il web