Dopo l’ok del giudice federale, At&t completa l’acquisizione di Time Warner

Condividi

Dopo l’ok del del giudice federale e la decisione del Dipartimento di Giustizia Usa di non richiedere un rinvio legale, At&t ha completato l’acquisizione di Time Warner. Il deal, in contanti e azioni, vale circa 81 miliardi di dollari, ma lascia il colosso delle tlc con un debito netto di oltre 180 miliardi di dollari.

Nel nuovo assetto societario, Time Warner, che tra gli altri controlla Hbo e Cnn, sarà integrata nella divisione di media di At&t in attesa di essere ribattezzata, sarà guidata da John Stankey, manager esecutivo di At&t. L’ex ceo di Time Warner, Jeff Bewkes, rimarrà come consigliere senior durante il periodo di transizione.

Randall Stephenson, l’amministratore delegato di At&t

At&t ha comunicato al Dipartimento di Giustizia che separerà le reti via cavo di Time Warner, come Cnn e Tnt, in una divisione diversa dai suoi asset di comunicazione, che includono DirecTv. Il colosso tlc ha assicurato che non avrà alcun ruolo nel determinare i prezzi di Turner e che erigerà una ‘barriera’ per prevenire il trasferimento di informazioni sensibili o concorrenziali sui termini dei contratti e sui prezzi.

Il procedimento legale complessivo dovrebbe essere chiuso entro il 28 febbraio 2019. In base ai termini del deal, ogni azionista di Time Warner ha ricevuto 1,4 azioni ordinarie di AT&T e 53,75 dollari in contanti. John Stankey ha emesso 1,18 miliardi di azioni e pagato 42,5 miliardi di dollari cash.