Sempre più telespettatori seguono i mondiali di calcio in streaming online. Italia sotto la media

Condividi

Cresce il numero di telespettarori che guarderanno le partite dei Mondiali di Russia 2018 in streaming online. Come evidenzia una recente indagine di Iab condotta su di un campione di 4.200 persone in 21 Paesi, il 65% potrebbe seguire le partite delle nazionali online. Mentre è del 71% la percentuale di chi seguirà le gesta dei propri beniamini in tv.

Ci sono addirittura alcuni Paesi in cui il numero di chi guarderà la partita in streaming potrebbe superare quello di chi la guarda in televisione. E’ il caso, per esempio, di Cina, Russia, Arabia Saudita, Emirati Arabi e anche degli Stati Uniti. Ma la percentuale è incerta perché somma le preferenze di chi è certo nella sua decisione di guardare le partite in tv oppure online con quelle di chi semplicemente si dichiara semplicemente propenso a optare per una delle due soluzioni. In Italia la televisione è al 74% delle scelte contro il 58% dello streaming online (percentuale quest’ultima nettamente al di sotto della media globale).

Mondiali di Russia a parte, dove peraltro gli azzurri non partecipano, la fruizione di contenuti video online è sempre più una realtà. Ecco i contenuti che vanno per la maggiore: le serie tv (45% degli intervistati), lo sport (31%) e i tutorial (30%). Seguiti da gioco online (29%), video di amici o familiari (28%), news (27%) e video di star o influencer (24%). Ed ecco come sono distribuiti nelle diverse aree del globo.

A livello globale è il 70% la percentuale di chi guarda contenuti video online almeno una volta al giorno.